MaltesenobilityHQ41

"Cesare Vassallo's "Catalogo dei codici e dei manoscritti inediti che si conservano nella Pubblica Biblioteca di Malta" (1856)"

 

Cesare Vassallo was the Librarian at the National Library of Malta (__)In 1856, he published – through the Government Printing Press - a compendium/index to all the unclassified documents. This index is aptly called (in Italian) “Catalogue of unedited Codes and Manuscripts that are found at the National Library of Malta”and has recently been made available by the Google Scholar project. That this list was published before the year 1878 is important as results from the considerations made below.
 
(For a rounded history about the provenance, authenticity and wealth of the National Library of Malta see:- ENCYCLOPEDIA OF LIBRARY AND INFORMATION SCIENCE, By Allen Kent Volume 17, pages 76 et seq. Published by CRC Press, 2003, ISBN 0824720172, 9780824720179)
 
IMPORTANT (COPYRIGHT): The actual document is made available thanks to GOOGLE BOOK SEARCH.
 
Terms and Conditions apply and REFER TO THE FIRST PAGE OF THE SCANNED DOCUMENT, as well as the related website http://books.google.com of GOOGLE BOOK SEARCH.
 
As would be expected, the catalogue is eclectic and faithfully replicates a disorderly section of the Maltese National Library. The catalogue is in two parts, Codes (large volumes) and Manuscripts (some single sheet, some in many volumes).
 
There is a wealth of contemporary information on various subjects waiting to be untapped. Maltagenealogy.com does not have the resources to go through with this.
 
Given the limitations of the Report of a commission appointed to enquire into the claims of the Maltese Nobility, published in 1878 (__), and the untidiness of this section, it is plausible that some documents may have escaped the attention of the Royal Commissioners. These documents may well be buried in the mass of un-catalogued documents and when found, may cast even more new evidence on the subject of Malta and its people, including its nobility, and even the slaves that lived in Malta.
 
Indeed, Vassallo’s 1856 catalogue makes a factual reference to the investiture of Alessandro Inguanez (viv. 1612) in the “barony of Bucana et Dier-el-Bniet”, even though the 1878 Report states that the first legislative act in regard to this title was only as late as 1725 and had to be backdated to 1350 (__).
 
In addition, there are strong hints by Vassallo that the title of “Marchese Testaferrata” (__) actually received in Maltese officialdom during the Government of the Order (1530-1798) unlike the conclusions of the Royal Commission. It also appears that the Neapolitan title of “Duke of Paganica” granted to the Costanzo family formed part of the foreign titles which were actually recognized by the Grand Masters but did not even get a mention from the 1878 Commisioners.
 
Amongst many forgotten matters, we find a reference to a “NobileGiuseppe Camilleri” (viv. 1712), to a list of members of the Crispofamily who were appointed as ambassadors/giurati and that the family of Refalo had established a notable foundation in Gozo.
 
We also find that no less than two deceased members of the baronialside of the Testaferrata family (__) were given the great privilege of a funerary oration, one in Malta and another in Augusta, Sicily.
 
It therefore appears - at first sight - that the following entries may be of special relevance to Maltagenealogy.com:-

·        Giuramento di fedeltà prestato da Alessandro Inguanez, in occasione del suo possesso della Baronia ta Buchanà e Dier-el-bniet.

·        Sentenza dell' inquisitore Mons. della Corbara proferita contro AlessandroInguanez sospetto di apostasia. Mons. Lconetto della Corbara fu mandato inquisitore in Malta nel 1607, e ne fu improvvisamente richiamato nel 1608 per mala gestione di quella carica.

·        An liceat legare alimenta filio heretici ? Allegationes in causa Mat- thioli Fulzon. // vecchio e dovizioso Mattiolo Falson, della Medina, vuolsi fosse caduto in eresia : confiscatigli i beni, che in parte avea legati e Mattiolo suo figlio sempre cattolico, andarono, malgrado le ragioni che si adducono in queste allegagioni, tutti quanti divisi tral Gran-maestro e l'Inquisitore. Ciò accadeva nei torbidi tempi di La-Cassiere.

·        Re Martino autorizza il nobile Raimondo de Abela di rimettere le colpe d'infedeltà ad alcuni Maltesi nel 1395.

·        Inibizione e favore del Conte Preziosi contro il monistero da Santa Caterina in rapporto alla casa contigua al detto monastero (1762.)

·        Orazione in morte di Mons. Testaferrata recitata in San Paolo della 
Valletta dal Padre Laplana carm. scalzo Maltese.

·        Diploma di Marchese a D. Mario Testaf'errata, ed un altro di Marchese di S. Vincenzo allo stesso.

·        Concessio tituli Baronis de Benuarrat pro D. Xaverio Gatto.

·        Concessione del titolo di Baronia del feudo della Marsa a favore di D. Ferd.Castelletti.

·        Diploma di Re Martino ad Inco Baccaro Maltese concedendogli il feudoBenuarrat.

·        Privilegi conceduti da Ferdinando secondo all'ordine Gerosolmi- tano.

·        Nota degli altarj privilegiati in Malta.

·        Iscrizioni in varj luoghi, ed in diverse circostanze in Malta

·        Privilegio di Ludovico Re di Sicilia in favore di Chicco Gatto (1350.)

·        -Conferma del sudetto privilegio (1372.)

·        Privilegio di Federico Re di Sicilia a Gulielmo Murina del feudo di Bucane.(1475)

·        Scrutinio degli ufficiali di Malta per l'anno 1512. 
Alcune tradizioni sull' isola di Malta.

·        Due privilegi, l'uno del 1475 in favore di Giovanni Nava, 1' altro del IjOl in favore di Antonio Infantino.

·        Consolato di mare per la città di Messina in Malta nel 1535.

·        Privilegio di Baronia conceduto da Re Martino nel 1547 a Don Francesco Gatto.

·        Relazione di ciò che seguì tra Mons. Cannaves eletto Vescovo di Malta ed i commendatori Testaferrata e Bonnici.

  • Scrittura del Barone Paolo Testaferrata al Santo Officio di Roma sopra la privazione di suo figlio Giacinto dalla carica di depositario. ,
  • Testamento del nobile Giuseppe Cammilleri nel 1712.
  • Vindiciae Siculae NobilitatisOrdine alphabeti digestae. In 4to.

·        Vertenza tral Marchese D. Mario Testaferrata e Monsignor Cocco Palmerio sopra una iscrizione.

·        Scrittura nella causa tral Barone Testaferrata ed il Conte Bologna.

  • Lettere patenti di Capitan di Verga al Marchese D. Mario Testa- ferrata

·        Lettere di Grandi-maestri al Marchese D. Mario Testaferrata. 
Alcuni sonetti, ed epigrammi di diversi. 
Nota di ambasciatori, e giurati della famiglia Crispo.

·        Altri sonetti epigrammi e lettere.

·        Genealogia della casa Inguanez.

·        Collazione del Ducato di Paganica, nel regno di Napoli, ad Ignazio CostanzoMaltese, l' anno 1753.

·        Nota di gravi eccessi commessi dal Can. D. Alessandro Bologna assessore del Vescovo.

·        Re Vittorio Emmanuele concede il privilegio del titolo di Marchese a D. MarioTestaferrata.

·        Orazione funebre recitata in Augusta dall' Arciprete Morenò nel 1760, in mortedel Barone Don Paolo Testaferrata.

·        Varie scritture concernenti la fondazione Refalo nel Gozo.

·        Notizie del Gozo, e serie dei Giudici e dei Giurati di quell'Isola dal 1560 al 1739, raccolte dal Dr Gio. Gius. Caxaro, il quale fu Giudice e Giurato.

·        Nove sonetti sopra Mustafa Bassà creduto autore della congiura degli schiavi.

·        Relazione dei castighi pubblici dati in Malta ai ribelli schiavi.

·        Sollevazione degli schiavi cristiani a bordo la galera ro- diotta Lupa, e da lóro condotta in Malta nel 1748.

·        Brevi cenni sulla vita di Topal Osraan.

·        Vol. 5. Notizie biografiche di parecchi Maltesi insigni o pef santità o per dottrina.

·        dei Giurati fino all' anno 1747.

·        Brevi memorie per servire all'istoria del Gruppo di Malta, 
Le notizie sulle chiese di Malta sono le più complète.

·        Usi e costumi religiosi e civili degli antichi Maltesi.

·        Varie scritture concernenti la fondazione Refalo nel Gozo.

·        Giornale di ciò che accadde in Malta e Gozo dal 7 Gen- najo al 29 Dicembre 1733.

·        Serie degl' Inquisitori di Malta dal 1574 al 1743.

·        Ordine di precedenza regolato da Despuig nel 1739.

·        Informazione di Mons. Cagliares sopra la casa, o monistero per rifugio delle mal-maritate.

·        Notizie istoriche di Carlo Gimach.

  • Unione delle isole di Malta al regio demanio, revocata l'alienazione delle stesse fatta al Conte di Montecatino nel 1397.
 
The actual document is attached, but for the reader’s convenience to search nobility and other matters, the text has been reproduced below (please make allowance for typing errors byMaltagenealogy.com). N.B. The italics are Cesare Vassallo’s commentaries:
 

AVVERTIMENTO.

manoscritti che sì conservano in questa Biblioteca, del quali il presente è il Catalogo, riguardati siccome memorie di avvenimenti e conserve di tradizioni, furono sempre tenuti per molto interessanti. Dessi .offrirono e seguiranno ad offerire ricca materia di cognizioni a chi volse o volgerà nelV animo di scrivere sopr" alcun periodo della istoria o letteraria o civile o ecclesiastica del Gruppo di Malta, ovvero dei Gerosolimitani che per ben dugento e sessanfotto anni lo -signoreggiarono.

Il Sig. Buchon * che li ebbe osservati non mancò di conoscerne anch'egli Cimportanzn, e pubblico il primo una nota di parecchi, tacendo però dei più interessanti.

E poiché gli storici nostrali che scrissero di Malta nel tempo dell'Ordine dovevano nelle loro opere tacere, o toccare solamente di volo avvenimenti, che era malagevole pubblicare; quegli avvenimenti sarebbero rimasti fin qu\ ignoti se alcun generoso non li avesse a noi tramandati negli scritti privati. A chi sarebbero infatti note le resistenze di un pugno di chierici oscuri, agli spogli amenti degli onnipossenti Gerosolimitani; a chi le iriudite barbarie, le orribili carneficine che seguirono la svelata macchinazione degli schiavi, e le lotti. disparate per ragioni dì tasse, e la visita Duzina, se i manoscritti non ce ne avessero data contezza?

" ffouvelles recherches historique sur le principautì fraiipaise de Marèe. Parli 1843

Da questi manoscritti apprendiamo infine i nomi dei molti, che chiari per opere o letterarie o scientifiche, si vanno ora da noi rammentando con grata rimembranza. Possa l'esempio di loro operosità animarci a bene imitarli f

Dei Cbdici pure si fa qui brete rivista, non certo perché ne siamo molto ricchi, ma perché nulla vada trasandalo, e perché tutti conoscano tutto ciò cht viene conservato in questa Pubblica Biblioteca.

Valletta—

Di Biblioteca,

14 Agosto 185(5.

Cesare Vassallo, 
Bibliotecario.

CODICI MANOSCRITTI.

i.

Manoscritto membranaceo, anepigrafo di 102 fogli in grande 8vo appartenente già all'abbazia di S. Antonio di Vienna. Contiene la vita di quel Santo abate in 200miniature, e descritta da squarci tolti da S. Girolamo, da S Atanasio e dalle vite dei Padri. Bellissime sono in generale le figure : alcune però sono state guastate da chi temerariamente vi volle metter mnno. Ecco ciò che si legge in fine del volume : Fuit completila die XIiII mensis aprilis anno Domini Millo CCCCXXVI. Magister Robinus Forneru de Avinione pingit, et Petrus Pttri de Istrio scripsit.

II.

Dialogus domini fratris Bonaventure ordinis fratrum minorimi et Sancte romane ecclesie cardi nalis—Speculum peccatoris— Meditationes Sancii Bernardi—Dialogus celestis de interna locutione ad animam fidelem—Consolationis gratia alique sententie devote libellus—Quaedam ammoniti mes spiritualis vitae—Ammonitiones ad vitam spiritualem valde utiles. Ms membr. in 4<o. Tutti questi trattati ascetici formano la prima parte del volume, ed ogni pagina con cui si da principio al trattato è miniata e dorata. Ma la parte più preziosa del libro è, fuori dubbio, la seconda per la bellezza delle miniature, per la conservazione dei colori, e per la lucidezza dell' oro. Le miniature rappresentano alcuni fatti della vita di Nostra Signore e rammontano a 33. Il tit.:lo di questo trattato è : Meditationes reverendissimi patris domini Johannk de Turre- cremata Sacrosancte romane ecclesie cardinalis. In Jìne del libro si legge :Finite sunt contemplationes supradicte et continuate rome per Uliricum Han anno Domini MCCCCVII die ultima mensis decembris.

III.

Eusebii Historia Ecclesiastica ex versione Ruffini. Ms. membr. iri grande 8vo del secolo XV, caratteri rotondi nitidissimi, iniziali rabescate e dorate, con una magnifica prima pagina.

IV.

(titolici Sacra, Prezioso ms. membr. in piccolo Svo a due colonne, caratteri nitidissimi, quasi microscopici, iniziali colorate, del XIV secolo. Precede la lettera di S. Girolamo a Paolino, viene quindi I' Antico Testamento dalla Genesi al secondo libro de' Macabei; e poi il Testamento Nuovo da S. Matleo ali' Apocalisse. Havvi in Jìne copiosissimo indice delle voci orientali usate nel sacro testo con la corrispondente significazione in Latino.

V.

De vera penitentia (incerti auctoris)—Sinonimia Beati Isidori— Tractatus brevis et utilis super Boecium. Ms. membr. in 8vo, del XIV secolo con ite bellissime miniature, in caratteri non molto. ben formati, iniziali dorate. L'amanuense vi appose il nome ed è,Andreas Rousselli Bituris commorans.

VI.

Officium Beatae Virginis. Ms. membr. in Svo, del XV secolo, le iniziale dora'.e, molte pcgine ornate di elegantissime miniature, la piupparte però rovinate da chi volle ritoccarle, caratteri nitidissimi.

VII.

Altro esemplare membr. in 12m», del secolo XVricco di belle rriniature. ed ornato le pagine di disegni colorati e dorati. Entro i dischi di «arie iniziali veggonsi dei misteri alluminati con arte mer»-

Vili.

Altro esemplare membr. di sesto piccolissimo con alcune delle pagine ornate di vaghi disegni ad oro ed a colori.

IX.

Missale secundum usum Anglie. Ms. membr. in 4to grande, caratteri nitidissimi, iniziali colorate, del MCCCVIII.

X.

?ermones, expositiones et epistole reverendi domini Bertrandi Ms. membr. in 4<ogrande del XV secolo. Prima pagina ornata di dorature ; caratteri minori con qualche nota marginale.

XI.

Ms. membr. anepigrafo, del xecolo XV in 8vo. Contiene le preci e le messe dei giorni ebdomadali, i ' Officio della B. Vergine, i xnlmi di penitenza ecc. Ma oltre che il volume è in parecchi luoghi macchiato, sonavi molte lacune, e mancano varj fogli, che certamente saranno state le miniature, le quali giudicare dai nitidi caratteri, avranno dovuto essere bellissime.

XII.

Officimi] Mortuorum. M.t. membr. in 12mo del XV secolo, colle iniziali colorate, e colla prima pagina miniata e dorata.

XIII.

Tractatus deleutabilis de certitudine futurae vitae beatitudinis atque felicitatis. Ms.membr. in \%mo parvo del MCCCCLXVII, caratteri minuti ma ben formati, iniziali dorate.

XIV.

Hermetis Trimegisti de Sapientia generationis lapidis. Ms. membr. in 8eo dello scorcio del XV secolo, caratteri rotondi. JnJine dell' ultima pagina leggesi : Hermetis Trimegisti de gapietltia generationis lapidis, cum exposit. Mosys 3462, hiiis-anno mandi.

m

XV.

Jjibro de larte dela mercatura edito per benedecto di cotrugìi ad Francisco distephano. Ms. cartaceo in 8vo con le iniziali colorate. In fine si legge : Copiato p, mano de murino deraphaeli de Ragusa 1475.

XVI.

Sts. cartaceo in \1rno del secolo XV, in lingua Araba, contenente sentenze desunte dal Corano, distinte le une dalle altre da asteri- chi inoro, e contenute in cornici dorate: prima pagina ed alcune altre leggiadramente rabescate.

XVII.

Due mss. cartacei in 8vo di data non molto antica, contenenti le sentenze di Salamone in lingua Araba.

XVIII.

Missale tocius anni secundum consuetudinem romanae ecclesiae. Ms. membr. in ^tnparuo, del XIV secolo, opera non di un solo menante.

XIX.

Pfficium defunctonim secundum consuetudinem Fratrum Hospita- lis S. Johannis Hierosolymitani. Ms. membr. in gr. 8vo del XV secolo.

XX.

Sexti Julii Frontini de Arte militari libri qitatuor. Infine del volume. Hoc Frontini opus excripsit P. Hippolytus Lunensi» regius librarius. Sex diebus. Bel ras. membr. del XV secolo in caratteri rotondi, con iniziali dorate, e con le due prime pagine vagamente alluminate.

XXI.

B.icobaldi ferrariensis Cronica. Ms. cartaceo in ^to, forse «te/1482. In principio al volume stanno scritte da mano aliena alcune nott- jfe del Ricobqldo, e delle sue opere letterarie.

MANOSCRITTI INEDITI.

I.

Qni'xto ed i seguenti 23 volumi formano la collezione di memorie patrie, cui l'operoso Mi/sud intitolò Stromati (1). Ciascuno dei volumi è indirizzato a qualcuno degli amici, o protettori del raccoglitore con lettera o iscrizione dedicatoria in linguaLatina: ed è corredato di scrupoloso indice. Tutti i volumi sono in 4to parvo, legati in pergamena ed in buona preservazione.

Elegia Felicis De Marco. Seguono alcune notizie sulla vita lette, raria del De Marco.

Prima parte di un intermezzo per musica dell' abate Boccadifuoco.

Annotazioni alle costituzioni prammaticali del Gran Maestro De Villhena.

Iscrizioni funebri in morte di Mons. Xeberras Vescovo di Epifania.

Nota dei Gran Maestri da Lisleadam a Finto. Poesie varie per l' esaltazione di Finto al Gran Magistero.

Dissertazione di Fra Gact. Reboul sopra i bordoni e bordonieri di San Giovanni.

Varj componimenti in poesia ed in prosa recitati nell' accademia dei Fervidi,introdotta in Malta nel 1743 e dopo un anno per etichette insorte disciolta.

Relazione di un viaggio e dimora in Roma.

patrie

( 1 ) Val quanto dirr lapeiztrìa ini estuta ad essere spostitene di memorie te.

Predica in lingua Maltese recitata dal Mifsud per hi Trasfigurazione di Nostro Signore, altra in Italiano per 1 Ultimo giorno dell'anno, e panegirico di San Pietro martire.

Serie dei Rettori della Santa Grotta di S. Paolo da Fra Giovanni 
Beneguas (1617) a Fra Tommaso Sammut (1743).

Lettera autografa di Mons. Alferan all'assessore Grech. 
Sonetti di varj dopo la scoperta della congiura degli schiavi.

Tractatus de festo Corporis Xpi ejusqne octava, et de incensatone tractatus alter: auctore Aloysio Ganci.

II.

Brevi notizie della venuta di S. Paolo in Malta, con una relazione della grotta oggi detta di S. Paolo. Operetta di Fra Carlo Lombardo.

Nomina di ambasciadore e procuratori fatta in un consiglio popolare il 31 Maggio 1735.

Istanza fatta dai FF. Cappellani della grotta per la gestazione della cotta e mozzetta nera con la croce ottogana.

Primo ingresso di Perellos nella Medina—Primo ingresso dello stesso nella Vittoriosa.

Commentarius de vita etscriptis J. Francisci Bonamici, ex ejusdem mss. potissimum collectus a J. Allegranza. Accedit ejusdem Bouamici elencus operimi.

Vertenza tral Marchese D. Mario Testaferrata e Monsignor Cocco Palmerio sopra una iscrizione.

Scrittura nella causa tral Barone Testaferrata ed il Conte Bologna.

Memoriale a Sua Santità dal clero e popolo di Malta sopra la tassa sui beni ecclesiastici.

Privilegio di Alfonso (1424) per l' esenzione dal diritto di dogana in favore delpopolo Maltese.

Raccolta di notizie storiehe su Malta incominciando dal 1419. Notizie sui motivi della venuta dell' Inquisizione in Malta, sue competenze e successi. Storia della fabbrica del palazzo Vescovile in Valletta. Bolla sui privilegi accordati iii chierici conjugati.

Brere di Gregorio XIII con cui Monsignor Leonardo Abela Vescovo di Sidonia viene nominato Nunzio Apostolico nella Siria, Mesopotamia ed Egitto.

Indulto onorifico conceduto da re Filippo alla famiglia de Avila Maltese nel 1569 pel valore dimostrato da Carlo nel famoso assedio del 1565.

Erezione dell' Arcipretura della Cattedrale fatta da Monsignor Bosio.

Feste pei Santi Giacomo della Marca, e Francesco Solano MM. Oss.

Elogia Illustrami virorum Melitensium, quae in unum fascicu- lum contulit Fr. Joseph Zammit M. D. Il Dr Zammit è l' autore di questi 140 elogj istorici, che egli avea fatto scrivere sotto le rispettive effigie degli uomini illustri, delle quali appena rimane il terzo, appeso alle pareti di alcune delle scuole della nostra Università. Ci piace intanto conoscere come questi elogj siano stati testè pubblicati per cura del nostro Signor Antonio Schembri. Il nome del Dr Zammit rimarrà sempre onorato frai Maltesi. Primo processore di Notomia e Chirurgìa nello spedale della Palletta, protomedico di cinque successivi G.andi Maestri, fu il fondatore nel 1679 dell' Accademia Medica, ed il direttore dell' orto botanico. La ricca collezione dei li in che egli avea donato all' ospedale per uso dei professori e stiuìenti di medicina e chinirgìa, fu nel 1797trasportata in questa Biblioteca. Morì di 94 anni, il 2 Novembre 1740, ej'u sepolto nella chiesa del Balzan.

Formula del giuramento che presta il Gran-maestro alle porte della Medina il giorno di suo possesso.

Memorie tradizionali, cavate dai mss. del Padre Manduca.

Giuramento di fedeltà prestato dai Maltesi nel 1420 a D. Ant. Car- dona, cui Alfonso avea pignorato il Gruppo di Malta.

Privilegium Ludovici, quo Insulas Melitae regio Siciliae demanio univit.

Interdetto del 1754, con cui re Carlo vieta l'assenso in qualsisia de' suoi porti in Sicilia ai bastimenti Maltesi, e proibisce ogni commercio trai suoi sudditi, e trai Maltesi.

Bando di de Paula (1624) sulla vendita ed applicazione delle medicine.

Relazione istorica della chiesa rotonda detta "Saria."

Testamento di Fra Giov. de Benegos nel 1C22, in favore della S. Grotta di S. Paolo.

Scriptura informativa facti et juris in Melivetana Seminarii.

Progetto presentato al Gran Maestro Finto per la coltivazione dei gelsi in Malta, onde nudrirne i bachi da seta.

Ricorso delle moniali di Sta Caterina, nel 1760, contro il Can. G. M. Castelletti Azzopardi Vicario generale.

Disposizione di Re Carlo (1754) sulla visita regia in Malta—Ragioni dell'Ordine ger. contro la visita—Revoca delle disposizione.

Notizie istoriche sulla chiesa della Melleha.

*

Anniversarj fondati nella chiesa collegiale di Birkarkara.

III.

Statuti della .confraternità del SS. Sacramento nello Zeitun.

Statuti della confraternità della Carità e SS. Crocifisso nella Senglea.

Memoria spettante al progetto di una fondazione di un monistero di Carmelitane scalze. La quale fondazione non ebbe luogo.

Ordine di precedenza regolato da Despuig nel 1739.

Informazione di Mons. Cagliares sopra la casa, o monistero per rifugio delle mal-maritate.

Notizie istoriche di Carlo Gimach.

Antichi statuti della V. Sodalità dei preti nella Colleggiata della Valletta. Segue Una riforma degli stessi fatta nel 1714.

Utrum Melitenses sint subjecti Regi Siciliae etiam post infeuda- tionem ? Votum anonimi.

Jndultum Universitatis Juristarum Bononensium favore Meliten- sium.

Indulti conceduti alla V. Sodalità dei preti nella Colleggiata della Valletta.

Voto circa l'esenzione dei patentati del S. Officio dalla visita del diocesano.

Relazione di Mons. Alferan fatta alla Sacra Congregazione dei Riti rapporto al ricorso fatto dai Giurati della Valletta per lo strato di damasco verde.

Lettere patenti di Capitan di Verga al Marchese D. Mario Testa- ferrata.

Se dalle sentenze del Gran-maestro si debba appellare al Re di Sicilia o al Papa ?

L' interdetto del Vescovo di Catania dichiarato nullo dal giudice della monarchia—Esilio dello stesso Vescovo (Mons. Reggio.)

Lettere di Grandi-maestri al Marchese D. Mario Testaferrata. 
Alcuni sonetti, ed epigrammi di diversi. 
Nota di ambasciatori, e giurati della famiglia Crispo. 
Altri sonetti epigrammi e lettere.

Elezione dei ministri della Sodalità dei preti nella V alletta, fatta nel 1758, presente il Vicario generale : ed appello dei decreti ivi promulgati.

Concordato tral Capitolo e l'Arciprete di Birkarkara fatto nel 1716. Statuto della Ven. Congregazione dei preti nella Senglea, Genealogia della casa Inguanez.

Collazione del Ducato di Paganica, nel regno di Napoli, ad Ignazio Costanzo Maltese, l' anno 1753.

IV.

Trutina theologica moraìis P. Georgii Siigp.ani mel. S. J. Resolutio anonimi contra Sagnanum, et critica adversus anonimum. Alla pagina 104 del presente volume leggesì il decreto della S. Congregazione del Concilio, che decide del dubbio.

Allegatio circa facultatem ornandi culcitra serica viridi colorii genoflexorium DD Juratorum.

Ordinazioni pel governo della squadra dei vascelli da guerra del S. O. G. fatte nel 17OO.

Relazione della Vergine dei dolori nella Chiesa di S. Giacomo— della Vergine dclla purilìca/.ione in S. Domenico della Vittoriosa—dclla Vergine delle grazie nel Zabbar—della Vergine della grotta in S. Domenico del Rabbato—della Vergine di Filermo in S. Giovanni—e della V ergine della Melleha.

Presa del due Castelli di Lepanto e Patrasso dalla squadra dell' Ordine Gerosolimitano. Le chiavi dei due castelli veggonsi ancora appese nella Cappella di Nostra Signora di Filermo in San Giovanni.

Vita e virtù del Cavaliere Caravita, Priore di Lombardia.

Officium S. Publii mart. Melitae principis et primi Episcopi, factum per D. Carolum Magri.

Nota di gravi eccessi commessi dal Can. D. Alessandro Bologna assessore del Vescovo.

Accensione perpetua dì una lampade nella chiesa di S. Giacomo, per fondazionedel vice cancelliere Abela.

Re Vittorio Emmanuele concede il privilegio del titolo di Marchese a D. MarioTestaferrata.

Unione delle isole di Malta al regio demanio, revocata l'alienazione delle stesse fatta al Conte di Montecatino nel 1397.

Protesta contro il breve della tassa sopra tutti i beni. 
Imposizioni sull'isola di Malta e quella del Gozo.

Bando (1671) per l' esecuzione della tassa di 100,000 scudi d' oro sopra i beni stabili di Malta.

Nota institutionum Canonicatuum, Dignitatum, Praebendarumque Ecclesiae Melivetanae.

Scrittura in favore della Cattedrale contro l'esecuzione della tassa sopra i beni ecclesiastici.

Orazione del Padre Abos Maltese, ed elogio al medesimo.

Iscrizioni in morte di Mons. Alferan.

Iscrizioni in occasione del possesso di Mons. Rull.

Il trattato circa l'origine delle glossipetre, composto dal nostro Bonamico, con la risposta dello Scilla, si Iia in Biblioteca pubblicato il primo senza indicazione di luogo e di anno, e l'altra in Napoli 16 7O.

Nota dei notar! che atteggiarono in Malta dal 1500.

V.

Prediche recitate nell' avvento del 1743, nella maggior chiesa di S. Giovanni, dal Rev. Gio Batt. Tolossenti. Quext' egregio predicatore Maltese morì il Marzo 1753.

Sedizione eccitata dai Cavalieri dell' Ordine nel 1581, per deporre il Gran-maestro.

La Cassiere. Estrata dalle opere mss. di Mons. Imbroll. Segue una Relazione della Morte di La-Cassiere e de' suoi funerali in Roma, redi il mss. N° LUI.

Alcune Iscrizioni, fra le quali quelle fatte in morte del Card. Porto- carrero.

Avvertimenti a chi legge l'istoria del Com, del Pozzo. Q-aest''operetta dell' abate Battaglinifu pubblicata in Colonia nel 1705, e se ne ha copia in Biblioteca.

Scritture pel Gran-maestro sulla rassegna militare, alla quale si voleva che venissero assoggettati i chierici (1721-1722.)

Appello dei chierici (nel 1761) alle istanze perché fossero arrollati, ed obbligati e prendere le armi.

Lettera del Can Agius, sui bordoni della chiesa di S. Giovanni, e sulla borsa che portano i Grandi-maestri attaccata al rubbone. La quale fu pubblicata nella Biblioteca Maltese di Mi/sud.

Primo ingresso di Monsignor Gori Mancini nella Cattedrale, nel 1722.

Primo possesso dei Giurati, nella casa comunale di Medina nel 1722.

Melivetana praecedentiae pro Rev^iio Capitulo contra R. D. Vica- rium generalem.

Memorie sulla vita del Molto Rev. Padre Costanzo di Malta Min. Oss.

Relazione della sollevazione e della fuga della galera del Bassa di Rodi, e suo arrivo in Malta nel 1748.

Congregazione capitolare tenuta inanzi Monsignor Inquisitore La Costa nel 1584 ad istanza del Gran-maestro, circa l'esecuzione di un breve pontificio per la tassa sui beni ecclesiastici.

Memoriale a Monsignor Rull perché sia permesso che si collochino, nella sacrestia della Colleggiata della Valletta, alcuni ritratti di benefattrici.

Relazione scritta nel 1622, sullo stato civile dell' Isola di Malta. E' piuttosto un acre accusa contro il Governo dell' Ordine, per le angherie che andava facendo contro il popolo e clero Maltese. L' autore ne è il Vicario generale di Monsignor Gargallo.

Bulla erectionis et confirmationis Collegii Melitensis Societatis Jc-su, anni 1592.

Alcune sentenze contro i chierici che non incedono in abito e tonsura.

Relazione di Mons. Cannaves circa le pretensioni del 1721, contro i chierici diMalta. Seguono copie di varii documenti sull' is- tessa materia.

Orazione funebre recitata in Augusta dall' Arciprete Morenò nel 1760, in morte delBarone Don Paolo Testaferrata.

VI.

Questo volitine conprende una collezione dei Sinodi Melivetani dal 1° di Gargallo a quello di Molina, disposti nel seguente ordine.

Constitutiones Synodalcs Revmi Thomae Gargallo anni 1591.

Constitutiones ejusdem Episcopi, anni 1610.

Constituiiones Synodales Revmi Balthassaris Cagliares anni 1620.

Constitutiones ejusdem, anni 1629.

Aliae Constitutiones, editae Messanae anno 1625.

Decreta Melivetanae Synodi actae anno 1646 a Revmo Balaguer CammarasaEditae Romae anni 1647.

Synodus Melivetana per Revmum. Lucam Bonum, anni 1668.

Synodus Melivetana prima per Revmum Mich. Hier, de Molina habita anno 1680. Impressa Romae 1681, Accessit Appun- dix ad praecedentem Synodum.

VII.

Questo volume delle Stromati contiene solo una Raccolta di lettere di Salv. Vayiii e Dom. Spinelli, responsive all'Avvocato Mifsud sopra cause e commissioni di curia. Lo Spinelli curiale di Collegio in Roma, era stato il professore di legge di Mifsud.

Vili.

Querele ed accuse contro il governo dell' Ordine geros. portate innanzi a Sua Santità da Mons. Balaguer Camarasa, con la risoluzione pontificia sotto cadauna, dopo tenuto il contradittorio avanti Mons. Vaii nel 1642.

Risposta dello stesso Camarasa alle querele fatte dal Gran-maestro.

Querele della curia laica contro l'ecclesiastica presentate alla Corte di Roma, con le risposte della curia ecclesiastica a ciascuna delle stesse.

Memoriale del Gran-maestro al Papa perché i chierici conjugati siano costretti a tenere cavallo.

Breve di Urbano VIlI sul modo di costringere i chierici conjugati ad eseguire i pesi laicali.

Memoriale dei chierici conjugati per 1' esenzione dei pesi, che il Gran-maestro voleva che fossero loro imposti.

Franchi che godono i capitani delle città e della campagna. Per Franco intendi una persona esentata ddll'obbligo di far la guardia; e questa esenzione si otteneva con facilità, pagando alcuna moneta al capitano che poteva e soleva così affrancare un certo numero di uomini.

Notizie sullo stato finanziere della Cattedrale (1635.) 
Punti giurisdizionali dell' Ospedale della Notabile. 
Della violata immunità ecclesiastica.

Memoriale del Vescovo di Malta sulle molestie che va ricevendo nella giurisdizione della sua chiesa dal Gran-maestro—Segue una lista di offese fatte ad esso Vescovo ed al suo Vicario, ed una risposta del Gran-maestro alla medesima.

Elezione di Giovanni Gorgion in ambasciadore in Licata.

Concessione dell' eremo di Sta Venera fatta dal Preposito di Bir- chircara ai Padri Min. Oss. nel 1764.

Notizie di alcuni uomini illustri venuti in Malta.

Noti/ie del tribunale dell' inquisizione in Malta, sua giurisdizione, e serie dei successivi inquisitori dal 1434 al 1735.

Serie dei Capitani di verga, dei Giurati, Giudici, Assessori e Fiscali dalP arrivo dell' Ordine 1530, sino al 1759.

Bando di Lascaris per l'estinzione della moneta di rame.

Dell' inquisitore di Malta. Estratto dall' Ateneo dell' uomo nobile di Agostino Parisi,

Scritture sulle vertenze insorte trai collegiali di Birchircara ed il parroco di Gasal Balzan.

Ricorso del parroco del Tarxen perché sia messo in possesso della sua parrocchia.

B

IX.

Scrittura di Niccolo Ant. Facci in favore dei chierici conjugati, che il Gran-Maestro pretendeva doversi arrollare alla milizia.

Lettera del Viceré di Sicilia (1611) con cui si concede libera esportazione di vino, tonno, formaggio ecc. per l'isola di Malta.

Atlo di donazione fatta nel 1554 dal parroco della Vittoriosa Vassallo al papasso Diassoriano, di una chiesuola sotto I' invocazione di S. Caturina posta in quella città,E' da notare come i/ni''Ila parti.dei porto venisse sempre chiamata, prima dell'assedio, Nuora Città di Malta.

Scrittura per il Gran-maestro contro i chierici conjugati.—Breve su tale proposito di Urhano Vili.—.Confermata da Inno- cen/.o X.—Memoriale del Gran-maestro sullo stesso argomento, e rescritto del pontefice.

Unione del Gruppo di Malta al regio demanio sotto Re Martino nel 1397—altra del1427 sotto Re Alfonso.

Donazione di Multa e Gozo fatta da Carlo V alla religione gero- solmitana nel 1530.

Deputazione di corvini issar) per dar possesso di Malta ai procuratori della religione gerosolmitana—Nomina di essi procuratori.

Esen/ione dal diritto di dogana, accordato all' Università di Malta da Re Alfonso nel 1431—Esenzione ed altri privilegi accordati ai Maltesi da Re Giovanni nel 1460—Conferma dei privilegi fatta da Re F ordinando nel 149!>—Tre esecutoriali di privilegi nel 1499, 1458, 1508.

Esenzioni dal diritto delle dogane nel 1515, 1526 e 1528. 
Conferma dei privilegi del 1517.

Nota nella disposizione di Fra Giorgio Nihbia a pro della chiesa da lili eretta,contigua al cimitero della infermeria.

Cerimonia della fonda/ione della prima pietra della Collegiata di Birkarkara ( 27Aprile 1727.)

Fondazione della parrocchia di San Paolo, e sua erezione in collegiata (1733) ed un cenno sulla fondazione del collegio dei FP. della Comp. di Gesù (1592.)

Giornale del Mifsud (essendo ancor chierico) dal 1 Gennajo 1740 al 13 Giugno 1741.

L'assedio di Malta descritto in ottava rima da Antonio Pugliese. Pubblicato nel 1585in Venezia.

Scritture, appellazioni e reclami nella causa tra Monsignor Rull e le moniali di Santa Catarina sulla remozioue di D. Ignazio Sceberras dalla procura del monistero.

X.

Due tragicomedie del Dr Fra Giacomo Parrugia, l' una intitolata " L'ippocrisia castigata " 1' altra " Le disgrazie avventurose, ovvero Ismenia convertita. Alcune notizie della vita del Far- rugia trovami infine del presente volume.

Due editti di Monsiguor Rull (del \76\) con cui vengono obbligati i chierici conjugati, e le persone privilegiate a l'ormare un corpo separato, ed istruirsi negli esercizi militari dentro il palazzo vescovile.

Descrizione della festa del Naufragio nel 1762 con intervento del Gran-maestro e diMons. Vescovo.

Vertenza che ebbe luogo nella processione di S. Gregorio nel 1762, tral Vicario generale ed i collegiali di S. Paolo.

Esame delle opere di .Vlons. Imbroll.-—Non è che una piccola parte dell' Esame critico dell'Opera di Mons. Imbroll. Il Mss. No. CCLXXIH lo comprende intero.

Relazione di ciò che seguì ai Padri Gesuiti in Malta nel 1639.

Giuramento di fedeltà prestato da Alessandro Inguanez, in occasione del suo possesso della Baronia ta Buchanà e Dier-el-bniet.

Sentenza dell' inquisitore Mons. della Corbara proferita contro Alessandro Inguanez sospetto di apostasia. Mons. Lconetto della Corbara fu mandato inquisitore in Maltanel 1607, e ne fu improvvisamente richiamato nel 1608 per mala gestione di quella carica.

Peste in Malta nel 1676.

Scrittura nella causa di Antonio Muxi il quale fu tonsurato dopo che ebbe commesso un omicidio.

Relazione del ceremoniere del Vescovo sul diritto che godono i confratelli di portare le aste del baldacchino.

Fondazione dei conjugi Vasco fatta nel 1580 in prò di una chiesa da loro fabbricata nella nuova città, sotto l'invocazione dell'Assunzione di Nostra Signora, nel luogo ove di presente è innalzata la chiesa delle monache di 8. Caterina.

An liceat legare alimenta filio heretici ? Allegationes in causa Mat- thioli Fulzon. //vecchio e dovizioso Mattiolo Falson, della Medina, vuolsi fosse caduto in eresia : confiscatigli i beni, che in parte avea legati e Mattiolo suo figlio sempre cattolico, andarono, malgrado le ragioni che si adducono in queste allegagioni, tutti quanti divisi tral Gran-maestro e l'Inquisitore. Ciò accadeva nei torbidi tempi di La-Cassiere.

Re Martino autorizza il nobile Raimondo de Abela di rimettere le colpe d'infedeltà ad alcuni Maltesi nel 1395.

Inibizione e favore del Conte Preziosi contro il monistero da Santa Caterina in rapporto alla casa contigua al detto monastero (1762.)

Inibizione a favore dei Canonici collegiali di San Paolo sopra diversi punti, e protesta dei medesimi.

Avventisti e quaresimalisti in San Giovanni dal 1732 al 1762. 
Opinione di alcuni sulla Biblioteca Maltese di Mifsud.

Orazione in morte di Mons. Testaferrata recitata in San Paolo della 
Valletta dal Padre Laplana carm. scalzo Maltese.

Vita di Mons- Alpheran de Bussan, gran priore della chiesa di San Giovanni, scritta dal Canonico Agius.

Relazione delle acque sorgenti trovate dal priore di Alvernia nella Vittoriosa l'anno 1645 per valersene in tempo di assedio. Il cambiamento dei nomi delle strade e deiproprietarj delle case, renderà difficilissimo die si possano più ritrovare le sette sorgenti di cui si parla.

Statuti ed ordinazioni del 1562, rapporto alle case da essere fabbricate entro la nuova città-—Seguono i capitoli circa la divisione et assignatione del sito della nuova città.

Notizia della vita e delle opere di Fra Giacomo Farrugia, scritte da Vittorio Cristi.

XI.

Relazione delle feste fatte nel 1727, in occasione della Canonizzazione dei Santi (ìiacomo della Marca e Francesco Solano, e della Beatificazione di Giaciuta Marescotti.

Raccolta di componimenti poetici, frai quali molti sonetti ed epigrammi del Conte Ciantar, e qualcuno di Corogna.

(Giornale Maltese del Dr Saverio Mifsud, del 1° Gennajo 1753, al 31 Dicembre 1755.

XII, XIII, XIV.

Questi tre volumi comprendono il seguito del giornale incominciato nein^\,(Vol. N° IX) e ripreso nel 1753, (Val. N°XI). Esso giunge fino al 25 Dicembre 1765.

XV.

Breve Pontificium, quo conceditur Priori et Conventualibus Ordinis Hieros. usus cappaemagnae, rubri coloris.

Aliud breve, quo concessimi fuit Canonicis capitularibus Melitac gestare mitram et crucem auream pectoralem. An. 1749.

Bulla erectionis Parrochialis Ecclesiae Sancti Pauli in Insignem Collegiatam. An.1733.

Memoriale contro l'istanza del Gran-mastro per tassare i beni ecclesiastici.

Lettere relative alle dissensioni tra1 Gran-maestro e l' Inquisitore.

Brevi notizie sulla Istoria di Malta, e sulla Grotta di San Paolo, scritte da Marc' Antonio Haxak nel 1623.

Voto dell' università della i'/'cdina per la liberazione della peste del 1676.

Litterae Apostolicae suppressionis Archipraesbiteratus Collegiatae Birkirkarensis, ejusque unionis Praepositurae anno 1750.

Relazione della grazia di San Paolo (cioè della polvere communc- mcnte così chiamata) scritta dal Cav. Buonamici fratello di Gian Francesco di cui alcune notìzie possono vedersi nel ms. No. II a pagina 440.

XVI.

Catalogo cronologico dei Vescovi di Malta da P. Paolo ari. 59 a Monsignor Alferande Bussan an.

Catalogo cronologico dei Canonici della Cattedrale dal \6SK al 1754.

Seguono questi altri Cataloghi.

Dei Prepositi e Canonici Collegiali di Birkirkara, dall'erezione della Collegiata—(1725) al 1755.

Delle Dignità e Canonici Collegiali di S. Paolo, dall'erezione della Collegiata—(1737) al 1753.

Di Vescovi e Prelati Maltesi, di Abati e di Inquisitori e Proinqui- sitori Maltesi.

Di 91 Scrittore Maltese.

Di uomini illustri Maltesi al numero di 154.

Dei defunti Confratelli della Congregazione dei Preti in S. Paolo dal 1664 anno di sua ereziane al 1756.

Dei Generali delle galere di Malta dal 1570 al 1575.

// Catalogo dei Vescovi e quello degli scrittori Maltesi, di cui sì spesso si fa menzione nella Bibloteca Maltese di Mifsud sono del Padre Pelagio. Vedi il ms. No. CXL VII.

XVII.

Fris. Ignatii Ricci Melit. Quaestio unica, an Ecclesia quam sodali- tas animarum Civitatis Vallettae aedificavit, adhuc retineat ti- tulum Sancii Nicolai. Vedi il Ms. No. XXVI e l'altro No. CCXXVII.

Melitue descriptio : auctore Joanne Quintino Haeduo. Fu pubblicata prima in Pariiii nel \536 quindi in Francfort nel HiOO, ed inserita p n nella collezione del Grevio e Burmanno vol. 23. La copia della traduzione Latina, pubblicata per Vaiigris di Venezia nel 1565, fu non ha guari rubata alla Pubblica Biblioteca.

Protesta dei Collegiali di Birkirkara nel 1657 rapporto al diritto di stare a sinistra del Vescovo nella processione di S. Gregorio.

Copia di transazione frai Collegiali di Birkirkara ed il Vicario di detta chiesa.

Bulla Benedicti XIII qua confirmantur preeminentiae Prai-positi Birchircarcnsis.

Catalogo cronologico dei Priori della maggior chiesa di S. Giovanni dal 1317 al 1758.

Decreti sulle preminenze del Santo Officio in Malta. 
Fondazione del Canonicato Fenech nella Collegiata di S. Paolo.

De fluidorum et materiae electricae natura: concertatio inter Bene- dictum Gennisi siculum ex una, et Joannem Bruno et Salva- torem Bernard Melitenses, habita anno 1751.

Epitaffi sopra le tombe di alcuni vescovi di Malta.

Notizia della spada e pugnale che Filippo II nel 1566 mandò a La Valletta.

Notizia degli Inquisitori dal 1575 al 1754.

Notizia del monistero di S. Scolastica nella Notabile, fondato nel 1496—Altra breve notizia del Conservatorio del Padre Agius.

Cenni storici sopra alcuni eccessi di Mons. Gargallo. 
Relazione di un viaggio della squadra di Malta nel 1751.

Martyrologium Majoris Eccl. Conv. Ordinis Jerosolymitani : per 
Fr. Caietanum Reboul accomodatimi.

Alcuni cenni sugl' impiegati nella chiesa di San Giovanni.

Diploma di Marchese a D. Mario Testaf'errata, ed un altro di Marchese di S. Vincenzo allo stesso.

Concessio tituli Baronis de Benuarrat pro D. Xaverio Gatto.

XVIII.

Joannis Francisci Bonamici dissertalo de Fuco spicato Coccineo Melitensi.

Ejusdem Brevis notitia plantarum quae in Melita ac Gaulo insulis observantur. /'nostro Uunimici mori nel ItìtiO, di 41 anno. Jìuon naturalista de' suoi tempi e letterato, scrisse versi e tratto scienze. Varie cose pubblkò, altre rimasero manoscritte. Il ( <;-valimi non arrossi di dare nlle itampe come cosa propria, nove anni dopo la morie dell' autore, la Notitia plqntarum cambion- d.ìne solamente il titolo in Pugillus Melitensis.

Ejusdem Bonamici Gaudia Melitensia, sive Divi Pauli in Melita insula gesta totidem cpigrammatis celebrata.

Joan. Ant. Cauchii Melivetana amotionis SSmae Eucharistiae a taberuaculo Ecclesiau parroechialis casalis (india an. 16'fi3.

Notizie di alcune chiese di Malta, raccolte dal Can. Mariano Hasciac, con delle addizioni dell'Abate ('ostan/o.

Salar) assegnati ai torrieri, (soldati che aveano in guardia le \9 torri marittime) nel 1C59.

Breve apostolico per l'esazione dell'assisa sul vino.

Concessione per cui appare che l'ospedale di S. Spirito sia di gius patronato regio.

Concessione dell'uso della toga e della mazza ai giurati della Me- dina.

Memoria terremotus anni I693.

Breve Pontificium pro perpetua asservatione SS. Eucharistiae in ecclesia S. Nicolai civitatis Vallettae.

Lettera di Salvatore Borgio .al can. Agius in rapporto al furto letterario fattogli dall'Àcciardi. Vedi il Catalogo di questa Biblioteca, vol. Istoria pag- 75.

XIX.

Historia de Naufragio Sti Pauli ad Melitam: auctore Octavio Gae- tano S. J. Il P. Gaetano morì nel 1620 di anni 54.

Brevis notitia Insulae Melitele. E' quella istessa che trovasi nel IX Volume dell'opera pubblicato da Blaeu in Amsterdam nel 1662— col titolo di Allas ma-jor.

Bulla erectionis Collegiatae casalis Birkarkara, an. 1630. Se- quuntur statuta pro bono regimine ejusdem Collegiatae.

Estratti dai giornali Maltesi di Fra Gaetano Reboul, sopra alcuni messali antichi, e rituali dell' Ordine di S. Giovanni : ed innol- tre sopra alcuni antichi Capitoli generali.

Notizie della vita del Padre Baldassare Fenech agostiniano, raccolta dal Padre Pelagio cappuccino.

Stimoli alla devozione verso N. S. addolorata scritti dal Rev. Giov. Angelo Sammut.

Copia del testamento di Frane. Dom. Bencini Maltese abate di S. Ponzio in Torino.

Notizie memorabili di Malta.

Serie cronologica degli Arcipreti e Canonici della Collegiata del Gozo, dall' anno di sua erezione 1623 al 1753.

XX.

Compendio del Giornale Maltese di Fra Gaetano Reboul dal 1729 al 1750.

Un fac-simile dell' iscrizione nella chiesa di Gasal Curmi, del 1456.

Istoria della chies;i e convento dei PP. Cappuccini del Gozo scritta

in fi un'ut di lettera dal Can. Agius.

Regolamento pel vitto delle moniali di Santa Scolastica, fatto da Mons. Alpheran.

Fris. Francisci Farrugia Oratio ad constructionem Ecclesiae et con- ventus Capuccinorum propè Victoriosam.

Iscrizioni nel Venerando Seminario.

Oblazione dei popolani di Casal Safi per la rendita del proprio parroco (1598.)

Sentenza a favore delle confraternità della Valletta contro quella del SSmoSacramento (1740.)

Scrittura pel servo di Dio Fra Antonio Taboni domenicano Maltese.

Concessione del titolo di Baronia del feudo della Marsa a favore di D. Ferd. Castelletti.

Diploma di Re Martino ad Inco Baccaro Maltese concedendogli il feudo Benuarrat.

Privilegi conceduti da Ferdinando secondo all'ordine Gerosolmi- tano.

Nota degli altarj privilegiati in Malta.

Iscrizioni in varj luoghi, ed in diverse circostanze in Malta.

An in tuta conscientia institui possit haeres extraneus in defectu ascendentium et descendentium, dissertatio Rev. Gregorii Barbara.

Alcuni componimenti in poesia del Dr Baldassare Bernard.

Iscrizioni ed Epitaffi esistenti nella chiesa dei RR. PP. Min. Oss. della Medina.

Iscrizioni ed Epitaffi esistenti in diversi luoghi e chiese del Gozo. Oratio in doctoratu Rev. D. Ant. Grech.

Breve con cui si concfde poter dir messa a bordo le galere dell' Ordine Gcrosolmitano.

XXI.

Copia della concessione del (ìruppo di Malta alla Religione (ìe- rosolimitana. Altra copia di questa concessione ti Musi nel Vol. \X.

Memoriale del popolo di Malta fatto nel 1531 al Gran Maestro con cui si prega I' esenzione di pagare le primizie dovute ai Par- rochi. Segue la risposta del Vicario generale, ed il decreto del Gran Marcirii, che obbliga al soddisfacimento di esse primizie.

Index Capitulorum generalium S. Rel. Hierosolimitanae ab anno 1118 ad annum 1520.

Relazione del tesoro trovato sotterra, allorché nel 1098 si fabbricava la Cattedrale.

Giuramento di Lislcadamo nel prendere possesso di Malta.

Indulto di Leone X datato il 1 Aprile 152O con cui si provvede che i benefii j in Maltadebbano essere goduti da Maltesi.

Ordine del Re di Sicilia che interdice ogni commercio con Malta

(1754).

Questiones morales resolutae a Fre. Carolo Lombardi.

Lettera di Fr. O. Reboul sulla medaglia riportata dal P. Paoli nel tomo ll del codice diplomatico.

^4ltra letteva di Ant. Frane. Gori sulla stessa medaglia.

Ipoteca fatta dal Rev. Dr Filippo Borg in favore della mensa collegiale di Birkirkara.

Vita di Mons. Cocco Palmeri, Vescovo di Malta scritta dal Rev. Dionisio Lacosta già suo secretano.

Apologià del Dr Massimiliano Balzano, contro il Canonico Pietro Ristri. Se il Balzano non fosse stato I' Uditore di Sua Eminenza, non avrebbe scritto con tanta stizza, e così male contro il Ristri, il quale avvocava I immunità dei beni ecclesiastici.

Ragguaglio dell' arrivo in Malta del Cardinal Trivulzio nel 164.9.

Concessione dell' uso della mozzetta ai canonici della Cattedrale (1634.)

Memoria della consecrazione delle campane della Cattedrale nel 1645. Ed un'altrasulla cerimonia della fondazione della prima pietra del coro della Cattedrale nel 1079.

La corte vescovile di Malta è autorizzata di rondare (far la ronda} 1715.

Lettera del Re tli Sicilia, ed un' altra di Benedetto XIV siill' interdetto del commercio (1754.)

Notizie della vita e dei fatti illustri del Padre Diego Aquilina gesuita Maltese. Nella sai.restia della chiesa del Gesà si conserva il ritratto di questo insigne religioso.

Dubbj proposti dai Collegiali di S. Paolo nelle loro vertenze col- 1' Arciprete.

Mandato de manutenendo spedito a favore dell'Arciprete di Birkir- kara nel 1740.

Monitorio del vicecustode dei PP. Capuccini di Malta, contro il P. Arcangelo da Modica preteso Custode (1755.)

Notizie della vita di Michele Oliverio, Girolamo Cassar e Gabriele Rosset, Maltesi: e due elogi l'uno pel D. Bern. Zanunit, l'altro pel Padre Zammit.

Alcuni lavori filologici del Rev. Frane Rizzardopoli, Maltese, sacerdote di rito Greca t letture di letttratura Greca nel seminario di Malta.

Relazione dell' Ambasciata del Bali Duennas presso il Re di Napoli nel 1753.

Pie fondazioni nella chiesa parrocchiale di S. Antonio Abate nella Valletta.

Serie di Assessori, Consultori, Promotori ecc. del .S. Offizio, ricavata dilll' Opera di Salelles.

XXII.

Tractatus de Sacramento Ordinis : cum indice.

La reggia è un sogno, tragicomedia di Marco Largì. Anagramma dei nostro Carlo Magri. Nella selva di autori Maltesi del Sig. Schembri è menzicnata una comedia dello stesso, pubblicala in Rociglione.

Iscrizioni ed Epitaffi nella Chiesa dell' Annunciata della Vittoriosa. Lavoro incompleto.

Fuga della galera del Bassa di Rodi, e suo arrivo in Malta nel 1748.

Lume ai Parrochi, ovvero Avvertimenti ed Istruzioni dati ai Curati dal Rev. Frane. Wuzzino Maltese.

Alcune poesie, cioè una Canzone del Dr Bernard, una Laude del Conte Ciantar, ed un' altra da cantarsi nelle missioni.

Lettera autografa di Michel' Angelo Grima. din un ritratto dc.l- l' illustre Lami, di cui si fa paro/a nel/a tettera.

Iscrizioni ed Epitaffi nella Parrocchia della Cospicua, e nella chiesa dei PP. Teresiani.

Brevis tractatus de Ordine.

XXIII.

Usi ed Etichette tra l' Inquisitore il Gran Maestro ed i membri dell' Ordine.

Ragguaglio della congiura del 1749, chiamata degli schiavi. 
Prammatica del Gran-maestro Perellos contro il lusso.

Notizie sull' elezione del Gran-maestro. Segue un ragguaglio dell' elezione di Zondadari.

Erezione della grotta di San Paolo in chiesa collegiale. (1625.) Selva di sentenze tratte dai Santi Padri.

Modo di disporre un infermo a ricevere il SS. Viatico—Avvertimenti a chi ha la cura d' anime nell ' infcrmeria.—Sono due opuscoli.tti del Rev. Salvatore Napoletano Maltese.

Explicatio Casuum in Melitensi dioecesi reservatorum. Opus- culum Rdi. Aloysii Ganci Melitensis.

Sententia lata per Pontium Pilatura contra Dnum Nostrum Jesum Christum.

Scrittura con cui si prova che il Re di Napoli non ha alcun diritto di mandare il Visitatore regio in Malta.

Scrittura contro l' Officio della Inquisizione fatta dalle sette lingue dell' Ordine.

Istrumento di fedeltà prestato a D. Antonio Cardona l' 11 Fehbrajo 1420, presso cui fu pignorato il Gruppo di Malta per 30,OOO fiorini.

Francisci Pisani S. J. de gladio ci pileo a SS. D. N. Benedillo XIV M. M. Em. Pinto missis, Piolusio, et EWia.

Lettera di Giorgio II Re d' Inghilterra al Gran-maestro Pinto nel

1750.

Uso della mozzetta e rocchetto conceduto ai Fra-cappellani del- l'Ordine nel 1704.

Fondazione per sollennizzare l'Assunzione di Nostra Signora nell' Ospedale.

Bolla della Crociata, del 1743.

Cenni sulla vita del P. Agostino Gallo cappuccino Maltese.

Breve relazione dell' isola e dell' inquisitoriato di Malta, scritta dal Cardinale Federico Borromeo—il quale fu inquisitore in Malta dal 1(553, sino alla f ne del 1654,fu di poi creato Cardinale nel 1670.

Relazione dello stato dell' isola di Malta fatta nel 1572, a Gregorio XIII da Mons. Visconti, inquisitore.

Relazione di una missione spirituale fatta in Malta nel 1714, scritta dul Padre Modica gesuita Maltese.

Prammatica in occasione dell' introduzione della tipografia in M alta nel 1644.

Alcune scritture dei Collegiali di Birkirkara.

Notizie sulla vita del P. Gio. Francesco Grungo gesuita Maltese.

Preci da cantarsi nelle missioni, composte dal Conte Ciantar.

Liti insorte tra Mons. Vescovo ed i Giurati della Medina sul proposito del loro sedile.

Stato delle rendite della massa collegiale di Birkirkara.

Giuramento di fedeltà prestato dal clero e popolo di Malta nel 1530 al Gran maestro.

Privilegio di Ludovico Re di Sicilia in favore di Chicco Gatto (1350.)

-Conferma del sudetto privilegio (1372.)

Privilegio di Federico Re di Sicilia a Gulielmo Murina del feudo di Bucane. (1475)

Scrutinio degli ufficiali di Malta per l'anno 1512. 
Alcune tradizioni sull' isola di Malta.

Due privilegi, l'uno del 1475 in favore di Giovanni Nava, 1' altro del IjOl in favore di Antonio Infantino.

Consolato di mare per la città di Messina in Malta nel 1535.

Privilegio di Baronia conceduto da Re Martino nel 1547 a Don Francesco Gatto.

Alcune notizie della vita del Gran-maestro Caraffa.

XXIV.

Scritture varie riguardanti la chiesa collegiale di Birkirkara.

Atto di compra del sito per la chiesa e convento dei PP. Carmelitani della Valletta nel 1571.

Nota di spese che occorrono nella professione di «ma monaca nel monistero di Sta Catarina.

Dritti di postaggio.

Relazione di ciò che seguì tra Mons. Cannaves eletto Vescovo di Malta ed i commendatori Testaferrata e Bonnici.

Notizie di Benedetto Cotrugli, il cui trattato di mercatura, manoscritto del 1475,trovasi in Biblioteca, ed è accennato trai C'odici.

Istruzioni date dal Gran-maestro De Paula al Bali Ximenes ambasciatore ad Urbano VllI. Alla fine del volume havvi un'altra istruzione al medesimo per ossequiare Urbano VilI nuovamente eletto Papa.

Totale approssimativo di ciò che si spende (nel 1750) in Sicilia per le provviste diMalta.

Nota delle rendite del tesoro (nel 1694), e di quelle che pervengono al Gran-maestro.

Vittoria navale riportata nel 1706 dai vascelli dell'ordine sulla patrona di Tunisi.

Lettera della Regina Anna d' Inghilterra al Gran-maestro Perellos (1713.)

Ordinazione circa hi posta di Malta (1708.)

Atto di donazione fatta dul Gran-maestro l'erellos al Conservatorio Agius (1708.)

Pretensioni della città di Messina contro l' isola di Malta per frumento somministratole negli anni 1006, 1(>3(> e Ki37.

Scrittura del Barone Paolo Testaferrata al Santo Officio di Roma sopra la privazione di suo figlio Giacinto dalla carica di depositario. ,

Ragioni per l' Università di Malta contro le pretensioni di Messina—La nave Bellona con frumento di Messina è catturata dalle galere dell' Ordine nel 1606—Altre ragioni per 1' Università di Malta.

K .'golamenti pel magazzino da erigersi nella Notabile (1712) per la conservazioneIh! amministrazione del denaro e delle vettovaglie.

Combattimento trai vascelli dell' Ordine contro quelli di Algeri nel 1712—Altro combattimento della squadra dei vascelli dell'Ordine contro la nave patrona della squadra Tunisina nel 1706.

Applauso nel giorno del possesso del Gran-maestro Perellos. 
Testamento del nobile Giuseppe Cammilleri nel 1712.

Se i beni del principato di Malta e Gozo siano soggetti al mor- tuorio ?

Proposta del Gran maestro Verdala in Consiglio sulla chiamata lattagli dal Papa nel 1587—Eduna Lettera scritta dagl' Illmi del Commun tesoro allo stesso Gran maestro in Roma.

XXV.

De Sancto Publio martyre, Melitae Principe et Athenarum Episcopo Commentarius in Elogium Ven. Bedae : auctore Hyeronimo Manduca Melit. Soc. Jesu Praesbitero.Precedono al commentario alcuni brevi cenni della vita e degli scritti numerosi del nostro dotto autore, il cui elogio è tra quelli degl'illustri scrittori Maltesi pubblicati non è guari per opera del Sig. Schembri. Dello stesso Padre Manduca sono le due seguenti operette.

Relazioni ovvero tradizioni trasmesseci dagli antichi circa le cose di Malta-—ed un Frammento o Dissertazione in lingua Latina sopra l' anno della morte ed assunzione di Nostra Signora. Vedi il ms. N° CLXV. In 4to.

XXVI.

Riflessioni in difesa dell' identità e reale esistenza della vera mano destra di S. Gio. Battista. che si venera nella maggior chiesa dell' Ordine Gerosolimitano : delsacerdote Fra Ignazio Ricci Maltese. Bel manoscritto del 1749, dedicato al Gran maestro Finto. E' una dissertazione critica contro il padre carmelitano scalzo, il quale aveva scritto che dei cinque bràcci destri supposti del Battista e venerati in altrettante città, il vero fosse quello che si conserva in Rapagnano. In 4to.

XXVII.

Vindiciae Siculae Nobilitatis, Ordine alphabeti digestae. In 4to.

XXVIII.

De Astrologia, liber singularis. Cum figurili. - In 4to.

XXIX.

Optica, seu Perspectiva Scenographica. Cumfiguris. In 4to.

XXX.

Trattato sopra l'algebra. Seguono alcuni quesiti algebrici con le loro soluzioni. In 4to.

XXXI.

Vite dei Gran-maestri dal Beato Gerardo (1113) sino e Fra Annetto de Gessan (1660) scritte da Fra Fabrizio Cagliola. Questo pio e dotto Maltese visse nella prima metà del passate secolo, e si ebbe il meritato elogio dal Dr Zammit fra quelli degli illustri Maltesi. In 4to. Vedi i Numeri CCÌV, CCV e CXXXI.

XXXII.

Tractatus theologici. Nempe De religione, de Sacra Scriptura, de SS. Trinitate, de Justitia et Jure, de Sacramento Eucharistiae, di Poenitentia, de Matrimonio, de Ultimo fine, et de Virtutibus de Vitiis et Peccatis. Autore di questi trattati è il Padre Rosario Agius domenicano, il quale morì il 14 Marzo \757 e fu sotterrato nella chiesa del suo Ordine in I alletta. Peccato die le molte abbreviature rendano talora difficile la lettura di questi manoscritti. 2 in 4to. Vedi il ms. N° LIX.

XXXIII.

Carmina et Inscriptiones Rev. Joseph! Zammit LL. D. Extat ejusdeui auctoris.Raccolta di poesie italiane. In 4to.

XXXIV.

Trattato delle Fortificazioni. Bel manoscritto corredato di ben di- signate figure. In4to.

XXXV, XXXVI, XXXVII, XXXVIII, XXXIX.

Questi cinque grossi volumi in 4to sono i soli che si è salvato dei moltissimi monoscritti del l)r Giuseppe Demarco. Ecco quel che contengono.

1. De Philosophiae experimentalis Natura, Constituti'me, Objecto

&c. aìiisque rebus quae Philosophiae tyronibus cognitii maxime sunt necessariae. Accessit in Noletti Physicam Épycrisis.

2. Fasti morborum Melitenses : opus -varias anniorum constitu- tiones, et morborum menstruorum facies per annos XXI11 sistens, nempe ab anno 1.763, ad minum 1787.

Demarco avrebbe per fermo seguitato a scrivere V interessantissima istoria delle malattie in Malta, se sui primi del 1,788, non fosse stato dal suo Principe mandato inTripoli a curarvi il Bassà. Ma ivi ancora non passò i giorni in ozio : avendo tanto studiato la natura di quel suolo, di quel cielo ; i costumi di quegli AJfri- cani, e l ' indole delle malattie che ivi imperversano di più; che tornato in Malta si era proposto di dare alla luce un'operetta furiosa, dice egli, se non utile a medici Maltesi, e che aurebbc per titolo " Opuiadum de Medicina Tripolìtana.'' Dalla pagina ì£6'4.. Aphorismi de noscendis curandis, et praecavendis morbis vulgaribus imprimis qui insulae Melitae familiare* .sunt.

Tractatus de morbis pectoris—De febre dissertatio academica— Physicae cursus, dictante De Sauvages. Demarco nel 1745, studiava medicina in Mtntpellier sotto questo insigne professore.

Tvactatus affectuum cutaneorum.

3. De voce sana et morbosa—Pathologicus brevisque cursus—De Balneis—De Vestimentis laneis. Questo trattato fu pubblicato in Malta nel 1759 col seguente tìtolo "De lana ritè in secunda et adversa valetudine adlMenda opus" De t'ebribus acutis— Commentarla de Aere—De Hydrope animadversionea—De usu et abusu cocolatae.Anche questo trattato venne pubblicato in Malta nel 176O.

Seguano molte note da apparsi a varj trattati, che andarono smarriti: tali sono De peste, De cibo, De porulentis, De ventrìcitlo fyc. Alla fine del volume trovati un trattato sul miracolo della vipera che invase la mano dell' Apostolo nostro padre, naufrago in quest'isola.

4 e 5. Collectanearum variarum tomi duo. Il primo è di 1317 pagine, il secimd di1289, numerate, con ricco indice per ogni volume. Le materie sono di vario argomento: essendovene di scientifiche, di istorìche e di letterarie, parte scritte in Italiano, e parte in Latino, nel quale linguaggio il Demarco era versatis- simo.

Questo illustre e dotto Maltese morì di anni 77 il 13 Agosto 1739, e venne sepolto nella parrocchiale di città Cospicua Il dottore fìsica Bonaventura, ed il dottore in 'leggi Pasquale gli eranoJìgli. Il primo divenuto cappuccino morì in Sicilia nel 1773 con non equivoci segni di Santità: il secondo morì in Roma nel 1778 ove lasciò gran fama di se per l' acutezza dell' ingegno varie volte dimostrata nelle pubbliche disquisizioni.

XL.

Notizia della successione degli stati di Europa. Manoscritto di qualche importanza e sembra lavoro della prima metà del passato secolo. In 4to.

XLI.

Discorso apologetico contro la dissertazione dell' abate Ladvocat intorno al Naufragio di San Paolo. Traduzione dal Francese dell' opera del. nostro Canonico /Igius pubblicata nel 1757. Anche questa traduzione fu resa pubblica in Venezia nel1758. In 4to.

XLII.

La Cosmopea descritta da M osé, commentata da Girolamo Rugusa d. C. d. G. In 4to.

XLIII.

Raccolta di Cantate in musica in lode di alcuni dei Grandi-maestri. Hai-raie quali-una del nostro Conte Ciantar. In 4to.

XLIV.

Questo bel ms. in 4-to comprende le seguenti opere di Macchiare IliIl principe ; La vita di Castruccio Castracani ; II modo che tenne il Duca Valentino per ammazzare Vitelloz/o Vitelli, Olive- rotto da Fermo, il Sig Paolo ed il Duca di Gravina ; Delli discorsi sopra la prima deca di Tito Livio.

XLV.

Praecepta aliqua de Arte concionandi P. Pauli Vanni S. J. opera et studio collecta, ad Usuiti scholasticorum ejusdem Societatis. In 4to.

XLVI.

Manuale dialecticum, sive dialecticae institutiones juxta triplicem intellectus operationem.

Disertationes in Artem Logicam. L' autorene è un Padre Domenicano. In Ito.

XLVII.

Raccolta di poesie di Francesco Benaglia.

Il ritratto di se medesimo, capriccioso poemetto di Bartolomeo Tesserotti. Non sono che tre canti ed in parte incompleti. In -Ito.

XLVIII.

Discorsi, panegirici e novene del Rev. Ignazio Saverio Mifsud : preceduti da un indice. Lapiupparte in lingua Maltese. In4to.

XLIX.

Traduzione di un ms. in lingua Latilia che comprende varj Capitoli generali dell' Ordine Gerosolimitano celebrati in Gerusalemme ed altrove, fino al VII celebrato in Rodi nel 1344. In 4to.

Lettera del Buonamico allo Scilla circa l' Origine delle glossipietre, e la risposta di questo al Buonamico. In 4to. Ambe pubblicate la prima nel 1668, l ' altra nel 1670.

LI.

La Palma dall'aura di Amore combattuta e vinta. E' una nojosa istoria di due amanti descritta in sette nnjose e lunghe canzoni da Gio. Nicola Alberti da Brescia nel 1700. In 4to.

LII.

Otto satire in dialetto Veneziano, in quartine meno la IV che è in terza rima, e che s'intitola I1 Carnevale. In 4to.

un.

Annali dell'Ordine di San Giovanni di Gerusalemme: opere di Mons. Salvatore Imbroll. Questa eccellente istoria è divisa in 5 parti ed in voi. in ^to, di bellissima scrittura, e comprende il periodo dalla fondazione dell' Ordine fino alla, sedizione contro La Cas- siere esclusivamente, la quale può leggersi nel ms. N° V. Duolci che ne manchi affatto la sesta parte di questi annali intitolata "II Porporato in Roma ovvero i successi del Gran maestro Perdala." Altre opere delle molte inedite, oramai perdute, di questo dotto prelato trovami trai nostri manoscritti, e sono segnate coi numeri 22Q, 241, 275. Fra gli elogi degl'illustri Maltesi trovasi a ragione quello di Mons. Imbroll.

LIV.

Synodus Melivetana per 111. et Remum Frane. Lucam Bonum, in cattedrali melitensi celebrata anno 16fi8 in 4to. Trovasi altra copia nel ms. N° VI.

IN.

Storia della vita del Card. Mazzarino. Notizie della vita del Card. Alberoni. Coi respettivi ritratti dei due porporati. E' da notare che il famigerato Leti non ne avrebbe scritto di più tristo, In 4to.

LVI.

Cursus theologicus scolusticus, quinque tomis distributus. In 4to.

LVII.

Dell' estrazione delle radici quadrate e cube, trattato di Giovanni Pagnini Maltese. In 4to. Rimase fin qui inedito.

LVIII.

Costruzione del compasso di proporzione e suo uso, di Giovanni Pagnini, 1736, in 4to. Questo utilissimo trattato fu pubblicato in Napoli nel 1758 con alcune varianti,

LIX

fractatus theologici : i. e. De legibus et de Divina Gratia lectore P. Henrico Èrcole Ord. PP. De Fide, Spe et Charitate, sub auspiciis P. Rosarii Mariae Hagius ejusdem Ordinis. In 4to. Vedi, il ms.

LX.

Della Elettione dei Grandi maestri, delle nullità in cui può incorrere tale Elettione—Della Elettione alle dignità di Baglivi, di Priore .della Chiesa, di Ambasciatore ecc. In 4to.

LXI.

Relatione di Malta ( o piuttosto dell' Ordine di Malta ) di Mons. Ranucci. Questo prelato era venuto inquisitore in Malta nel 1667 essendo Gran-maestro Nicola Cottoner : consacrato quindi Arcivescovo di Damiata e Vescovo di Fano fu nel 1686creato Cardinale; e fu I' ottavo degli inquisitori di Malta esaltati a questa dignità. In 4to.

LXII.

Ristretto e compendio degli statuti, costumi, ed ordinationi della Religione Gerosolimitana, compost» dal Ven. Prior di Dacia Fra Cristiano Hosterhousen. In 4to.

LXI li.

Dieta et facta memorabilia, collecta a Karolo Magri 3 Voi. in 4to. // elogio di questo infaticabile scrittore Maltese trovasi trai pubblicati dal Sig A. Settembri.

LXIV.

Opere inedite di Don Nicolas d' Antonio Agente di Spagna. // primo volume contiene alcuni scritti sulla bolla Gregoriana circa le immunità ecclesiastiche. Il seconda alcuni scritti sulle controversie insorte nel 1717, tra la Sede Apostolica e la Corte di Spagna. Il terzo un ristretto della Vita di Alessandro VI e del Duca Valentino. In 4to.

LXV.

Raccolta di poesie del Dr Gio. Antonio Vassallo. In 4to.

LXVI.

Gihan numa, ovvero Atlante universale. Bellissimo ms. in lingua. Turca sopra carta lucida coi disegni colorali. In Fol.

LXVII.

Trattato pratico della manovra dei vascelli per istruzione dei giovani officiali, scritto da un cavaliere al servizio delle navi della Religione Gerosolimitana. Traduzione dal Francese 1765. In 4to parvo.

LXVIII.

Relazione e scritture sulle vertenze insorte nel 1674, tral Cardinale Alfieri, e gli ambasciadori rispettivi d' Austria, Francia, Spagna e Venezia. In 4to.

LXIX.

Universae philosophiae Enchyridion. In 4to.

LXX.

Vocabolario Francese-Italiano-Maltese, mancante in principio di alcuni fogli, ed incompleto in progresso. E' osservabile che nelle voci Maltesi sono introdotte alcune lettere arabe. In 8vo.

LXXI.

L' ombra di Mazzarino apparsa al Re Cristianissimo. Con un cattivo disegno a penna rappresentante il Cardinale in caricatura, e Luigi XIV. In 8vo.

LXXII.

De venenorum natura, qualitate, quantitate et compositione : ac de eorum contrariis. In 8vo.

LXXIII.

Compendio delli statuti ed ordinazioni capitolari della Religione Gerosolimitana con alcune osservazioni. In 8vo.

LXXIV.

Apologie pour Mr Francois CauletÈveque de Pamiers sur ce qu' on lui impute de l' étre revolté contre le Roy au sujet de la regale. In 8vo.

LXXV.

Nota delle instruzioni ossia ordini dati dal Bali de Chambray agli officiali che sono sotto i suoi comandi in Maggio 1739. In 8vo.

LXXVI.

Manifeste de Guillaume III Roy d' Angleterre, d'Ecosseet d'Irlande pour servir d' ouverture a la paix proposée sur la fin de l'année 1683. Discours funebre de Marie Stuart, fait et pronuncé par le Sieur de la Badie. In 8vo.

LXXVII.

Pensieri mariali (devozione verso la BB. Vergine) composti da Francesco Agms.Questo lavoro ascetico compose il Gozitano Agius essendo ancora di tenera età. Di questo infaticabile scrittore avremo da. accennare ancora moltissimi lavori. In 8vo.

LXXVIll.

Statuts de l' Ordre de St. Jean de Jerusalem, tires fidellement au titre second de la reception des freres. In 8vo.

LXXIX.

Etat de la Keligion de Malte. Manoscritto interessantissimo sotto il rapporto istorico dell' Ordine di Malta. Alla fine del secondo volume trovisi un copioso indice delle materie contenute nei due volumi. E' da credere che il cavaliere Fassion de Sainte-Jay ne sia stato I' autore, come lo fu delle prosf. e dei versi contenuti nel seguente manoscritto. Questo illustre letterato morì ottuagenario nel 1765, ed è sepolto sotto la gran volta di S. Giovanni. Moltissimi libri trovansi in Biblioteca che appartenevano a lui e portanti tutti le armi della sua famiglia.

LXXX.

Discours sur la solitude, et sur la tranquilité de la vie : en vers et en prose. In 8vo. Par le chevalier Fasson de Saint-Jay.

LXXXI.

Compendio architettonico inventato nel 1690 da Romano Cavape- chia. Oltre ai molti disegni architettonici vi ha molti altri di prospettiva riferibili ad un trattatello che si, trova nella, seconda parte del libro. In 8vo parvo,

LXXXI I.

Breve compendio intorno alla perfezione cristiana. In 8vo parvo.

LXXXIII.

Annali del pontificato di Gregorio XIII scritti dal Padre (iiam- pietro Maffei. In 4to.Furono varie volte pubblicati. L'edizione che si ha in Biblioteca è la romana delMainardi del 1742 2 in 4<o.

LXXXIV.

Stephani Infessurae diaria rerum Romnnaruin posi curiam a Gaflis. reversam usque ad Alexandri VI creationem. Trovasi in- noltre il Diario di Lodovico BuonconteMonaldesco da Orvieto, il Diario della coronatione di Carlo V, ed il Diario dell'anno. santo sotto Innocenzo X. In 4to.

LXXXV.

Memoria in forma di annali del pontificato di Sisto V. In 4to.

LXXXVI.

Brevis instractio Religiosae Vitaeperagendue. Auctore Gabriele Pagano. In 4to.

LXXXV1I.

De Arte Khetorica—Al finire del libro ri sono due trattati in Italiano, I' uno dclia narratione, del Padre Gaetano Lue; l'altro. dei tropi del Padre Piazza ambi gesuiti delCollegio di Malta, In 4to.

LXXXVIII.

Traité des Forti fications. Coi necessarj disegni. In 4to.

LXXXIX.

Relazione della Corte di Roma fatta dal Cav. Mozzenigo alla Re- pttbbKca Veneta essendo Pontefice Clemente X. Il padre Siirpi non ne scriverebbe di peggio. In 4to.

xc.

Tractatus de Casibus Priori Ecclesiae reservatis. L' autore di questi preziosi trattati è Fra Carlo Michallef il quale gli ebbe dedicati a suo zio Mons. Salv. Imbroll gran priore della Chiesa. L' elogio di questo eccellente scrittore trovasi a ragione tra quellit degii illustri Maltesi. In 4to.

XCI.

Elementa Juris Canonici. In 4to.

XCII.

Historia del Duende do Palacio en Madrid de I' ano 1735 en erde 1737.

Jardin de Flores, que contiene la Verdad que muchos ignoran compuesto por un Duendo critico. In 4to.

xeni.

Sobre la verdadera Religion, y otros puntos. Uno dei più belli msf. moderni. In 11<>.

XCIV.

Compendio di un breve trattato sopra le costituzioni privilegj della Religione di S. Giovanni di Gerusalemme : del Ven. Prior di Lombardia Fra Gio. Maria Caravita. In 4to. Tutte te opere di questo instancabile scrittore delle cose del suo Ordine rimasero inedile, e noi le abbiamo quasi tutte siccome si vedrà in appresso.

xcv.

Libro di spese fatte dal Cavaliere De Brossin nelle fontane pubbliche. In 4to.Volume curioso da cui si rileva quanto costasse la man d' opera nel 1695.

XCVI.

Raccolta di sentenze in lingua Latina disposta in ordine alfabetico.

Sonetti di Onofrio Riccio poeta Napoletano, inediti finora : e 29 epigrammi in linguaLatina dello stesso.

Raccolta di sentenze, di aneddoti e di moralità. 
Rhetoricorum Canonum Sylva. In 4to.

XCVII.

Notizie somministrate da Mons. Marescotti al suo successore nella carica d'Inqui sitare in Malta. Chi bramasse conoscere come si stesse sul!' etichetta nel 1668 legga questo curioso manoscritto.

X C Vili.

Theologiae «colasticae tractatus de Deo Uno et Trino, auctore Stanislao Maria Loreta S. J. Et in fine. Tractatus de visione supernaturali, auctore P. Xeberras ejusdem Soc. 1732. In 4to.

XCIX.

Questo volume è intitolato " Rivelazione " e contiene veramente il racconto di una devota diretto al suo padre spirituale di ciò che le accadeva andando in estasi. In 4to.

C.

Trailé des Mathematiques, et Elemens de Geometrie. Bel manoscritto con buone figure disegnate in margine. In 4to.

CI.

Essay d'une histoire genealogique des Chevaliers del'Ordrede St. Jean de Hierusalem recus dans la Langue'de Provence depuis l'an 1500. ('ni blasoni colorati, ad un indice generale delle famiglie al termine del primo volume. 3 in 4t".

GII.

Recueil des maison et familles qui ont donné des Chevaliers a l'Ordre de St. Jean de Jerusalem, et qui ont été re9us duna la Langue de Provence depuis l'an 1513.tinche quest'opera ha gli stemml coloriti ed è disposta per ordine alfabetico : è dùiisa in tre volumi, con un quarto di supplemento. 4 in 4to.

CHI.

Critique du Nobiliaire de Provence. Alla fine del libi o trvansi diversi indici giusta le varie sorta di nobiltà. In 4to.

CIV.

Piéces fugitives. Anneé 1775. In 4to. E'una raccolta degli articoli calunniosi, satirici e scandalosi che Thevenot de Morunde, novello Aretino Francese, ebbe già pubblicati sotto Anonimo dal \77~fino alta rivoluzione.

CV.

Notizie istoriche della vita di Mons. Fra Melchior Alpheran de Bussan Gran Priore della maggior chiesa dell' Ordine di Malta scritte dal Canonico Francesco Agius. In 4to. Con ritratti dell' illustre prelato. Del nostro .Igius avremo da accennare moltissimi manosrritli ancora. Vedi il N° CXLIl.

evi.

Il Pimmalione, dramma per musica del Canonico Luigi Girardi. La seconda parte delvolume comprende 4O cantate per musica dello stesso autore. In 4to.

CVII.

Museo di diverse cose di devotione, che sono in Roma et in varie parti del Mondo. Opere di Matthia Finto de Castro. 1654. In 4to.

CVIII.

Obras poeticas de Fonseca. In 4to.

CIX.

Due orazioni recitate nell' accademia Giustinianea di Palermo da Francesco Ignazio Testi nel 1722 e 1724. In 4to. Sul principio del volume trovansi stampate le leggi dell' accademia.

ex.

Ordini e segni così per la navigazione che per il combattimento da osservarsi dalla squadra delle galere della Religione Gerosolimitana. In 4to. Questa telegrafia fu ordinata in tempo di Pe- rellos allorchè la squadra dell' Ordine era nel suo maggiore lustro.

CXI.

Libro di Sant' Agostino, della maniera di catechizzare gì' ignoranti. Bel manoscrittoin 4to.

CXII.

Traité des Exercizes Militaires propres aux trupes de Malte. In 4to. E' uno scritto del Cavatier De Rabastens, die nel i 77 7 aveva presentato al Gran-maestro De Rohan.

CXIII.

Higtorie abregée de Tripoli de Barbarie : extraite des archives de cette Regence.Col testo arabo a fronte. La traduzione è di Froment de Champ Lagarde, Vice Console Francese in quelle Reggenze nel 1794. Havvi un seguito di quella storia il qua'e abbraccia il regno di .ily Caramanly, ed e scritto in sola lingua Francese. In 4to parvo.

CXIV.

Recueil de divers ecrits, qui concernent l' origine de la soustrac- tion des Dames hospitalieres de Beaulieu a la jurisdiction et dependance de l' Ordre de Malte. In 4to.

cxv.

De sectionibus eonicis, earumque physicae legibus applieatione tractatus. Canifiguris. In 4to.

CXVI.

Epistolario di Mons. Agucchia Segretario di Stato di Gregorio XV. In fol.

CXVII.

La buccolica di Virgilio tradotta in verso sciolto da Francesco Fernandez. Cogli argomenti e col testo a. fronte. In 4to.

CXVIII. CXIX. CXX. CXXI.

Quattro volumi in 4to scritti da una sola mano e contenenti, descrizioni di fatti istorici, sommarj di processi, relazioni di vite, e lettere varie. AA onni principio di volume trovasiun copioso indice delle materie in esso contenute, e delle cose contenute parecchie sono di non poco interesse: per esempio la congiura di Lorenzii contro Alessandro duca di Fiorenza, la vita del Padre Savonarola quelle della Regina Cristina, I' accidente occorso in Roma sotto il i ontificato di Alessandro VII e moltissime lettere.

CXXII.

Relazione della ricuperazione di Ferrara fatta da Clemente Vlli nel 1598. In 4to.

CXXIII.

Relazione dell'Assedio di Vienna del 1683. In 4to.

CXXIV.

Racconto del sacco dato a Roma dai soldati di Carlo V nel pontificato di Clemente VII, composto da Marcello Alberino. In 4to.

cxxv.

Reglémens par nostre tres honnoré Pere le Cardinal de Berulle. In 4to.

CXXVI.

Ètat general et solde de troupes du Royame de France en 1732. In 4to.

CXXVII.

Traité de l' echelle Angloise et de son usage. Traité de Pilotdge, In 4to. "

CXXVIII.

Due commedie : II procuratore, di Fr. Antonio Corogna ; e Le trame scoperte dalla finta fata, di Francesco Coscia : dedicate tutt' e due a Finto. 2 in 4to.

CXXIX.

Obras poeticas de Thomas Pinto Brandao. Terceyraparte. In 4to.

cxxx.

Notìzie sopra i ricevitori dell' Ordine di Malia e sopra il loro uffizio. In Fol.

CXXXI.

Vite dei Grandi-maestri dal Beato Gerardo a Fra Annetto Gessan: scritte da Fra Fabrizio Cagliola. Fol. Vedi il Volume XXXI.

CXXXII.

Recueil de chansons choisies, pour servir à 1' histoire depuis l' année 1600 jusqu'àpresent, (1756.) In 4to.

CXXXIII.

Recueil de poesies. In 4to.

CXXX1V.

Tito Lucrezio Caro, della natura delle cose. Traduzione di Alessandro Marchetti. In 4to.

cxxxv.

Deposita collecta a Dno. P. A. de Viguier serenissimorum MM. Magistrorum, nec non Venerandorum Procerum S. O. Sancii Joannis Hierosolimitani, quorum exuviae quiescunt in Basilica vulgo dieta ecclesia conventualis. Melitae 1754. In 4to. Le iscrizioni sono trascritte ptr intero, ma del resto delle lapidi non sono copiati che gli stemmi.

CXXXVI.

Recueil d'armoiries singulieres : compilé par le Comandeur de Viguier: En 1748. In 4to. (olle armi coi'orate, e con copioso indice alfine, dò che mancò di fare il Commendatore nell' antecedente volume. ,;

ex xxvn.

Recueil de lettres ecrites de Malte par Mr 1' abbé Boyer. In 4to. Sono a quisa di giornale, e scritte nella. meniorabile epoca della voluta rivoluzione dei preti.

Il linguaggio che usa il Sig. Abate ogni volta che parla di Maltesi, è sempre villano. Ma che aspettarsi da chi nel magistero di Pinta era stato condannato alla detenzione perpetua in castello, ed alla privazione dell' ahito ? Chifosse curioso di conoscerne la cagione, legga la supplica die questo Sig. abate Fra Claudio Francesco, dottore in teologia cappellano dell' Ordine avea diretta al Santo Padre, e di cui ci lasciò copia in questo volume.

Hnvvi una relazione st'impata dell'arco trionfale eretto nello Zeitun pel giorno di SanGregario, ove trovami i varj pareri sull'origine dei a processione in detto giorno.

cxxxvnr.

Dissertation sur les couleurs primitives, par Mr. le Chevalier Diego de Carvalho. In 4to. L' originale Spagnuolo trovasi in Biblioteca, pubblicato in Lisbona nel 1788 in 8vo.

CXXXIX.

Actà visitationis Remi Dni Petri Duzinain insula Melitae Delegati et Visitatoris Generalis Apostolici. Fol. Questo prelato era venuto a visitare la chiesa Maltese ad istanza del Gran-maestro La i assiere, il quale bramava die a 'cuna persona di fiducia alla Sania .Sei/e giudicasse delle controversie altura esistenti tra lui e Mons. Royas. Duzina vi giunse il 1° Agosto 1574 e ripartì per Rnniii il 12 Giugno 1575. Questi atti di visita sono un prezioso monumento d istoria ecclesiastica Maltese fino a quei tempi. E' nato quanta parte vi abbia presa il nostro Padre Taliana dei i redicatori, di cui havvi I' elogio tra quelli dfgli illustri Maltesi.

CXL.

Notizie istoriche ecclesi asti che e politiche di Malta, disposte la piup- parte ptr ardine cronologico.

Dei Re di Napoli e Sicilia, memorie tradotte dall'opera in Spagnuolo del Padre Pineda.

Chronologia Regni Siciliae ex operibus Maurolyci excerpta.

Osservatione sopra i littorali di ponente di Malta, memoria del Cav. Valperga: enn una carta per più facile intelligenza del litto- ral,K svdetto (1761.)

Vantaggi dei fossi e trincee incavate nella rocca intorno alle isole di Malta e Gozo, proposte per rendere inaccessibili tutte le coste (1762).

Progetto del Bali de Blacas per introdurre in Malta la coltivazione del gelsi, presentato al Gran-maestro nel 1759.

Sul ritrovamento di un vitello nel Gozo nel 1729 dissertazione critica del Bali Stadl, siniscalco del Gran-maestro. Vr.di una nut'i nel ato volume delle miscetlanee di /tgius mss. 142 pag. 554.

Reflexions sur la defense maritime de M a'thè, par le Ealy de Blacas In Fol.

CX LI.

Notamenti del Bali Bonanno (ricuperati in Parigi) sulla storia del- l' Ordine Gerosolimitano. Cioè:

I. Compendio della storia dell' Ordine Gerosolimitano fino

all' anno 1758.

II. Supplemento all' istoria dell' Ordine fino al 1289.

III. Sistema e Governo dell' Ordine Gerosolimitano.

IV. Descrizione dello stato naturale, materiale e formale delle

isole di Malta e Gozo.

V. Dei principj del Governo dell' Ordine.

VI. Note di cui si è servito l' autore.

VII. Notizie e rifflessioni intorno alla sovranità che gode

l' Ordine Gerosolimitano sulle isole di Malta e Gozo. In Fol.

CXLII.

Da questo numero incomincia la copiosa raccolta dei mss. del Canonico Agius, e che sta divisa in 12 tomi m Fot. ed in 4to. Poiche però non ogni cosa è della penna delialwriosissimo Canonico, cuìì si cercherà, per quanto ne. sarà lecito, di citare il nome dello scrittore di ogni articolo.

Vol. 1. Apoftegmi e Proverbi Maltesi, raccolti e spiegati in lingua Italiana dal Canonico Agius. Sono disposti per ordine alfabetico : peccato che ne manchi tutta la lettera A.

(cpia di nn Ragguaglio del viaggio di La Cassiere nel 1582, il cui originate contemporaneo trovavasi presso il Con. Schiavo di I aleniio.

Discorso di Fra Pietro Viani sulle qualità di un Priore della chiesa. Fondazione Lomellini nell' oratorio di S. Giovanni.

Difesa del Cavaliere Vergons, incolpato di aver fatto uso del denaro della conservatoria.

Sul naufragio di San Paolo in Malta, risposta del Sig. Scarlatti- Della venuta e residenza in Malta di San Paolo. Non è che il principio di un opera che I' autore anonimo intitolava " Vita di S. Pubblio Vescovo e Martire.

Vol. 2. Simulacro di Èrcole, illustrato dal Can. Agius. Questa bella statua o Greca o Romana clie si voglia, e che erroneamente l'Agius pretende Fenìcia, trovasi nel museo di questa Biblioteca.

Progetto per la piantagione dei gelsi in Malta e Gozo.

Ricorso fatto ai Cardinali dal clero Maltese contro la voluta imposizione delle tasse sui beni ecclesiastici. Seguono varie altre scritture sullo stesso soggetto, ed una risposta di un tale Balsana contro il ricorso del clero.

Letteraapostolicadi Clemente XI al Gran-maestro Perellos, contro la simonia prevalente trai membri dell' Ordine. Segue una lettera del Gran-maestro in risposta a quella del Papa.

Lettera di Lisleadamo con cui prega a C arlo V la concessione del Gruppo di Malta

Alcune notizie sui Giurati di Malta.

Breve di Clemente VII con cui vien consigliato Lisleadumo ad accettare dall'Imperadore l'isola di Malta.

Capitula Universitatis Melitensis anni 1480 pro bono regimine ejusdem insulae.

Confessionale in favore del Priore della Chiesa conceduto da Callisto III (1457) circa l'assoluzione di casi riservati al Papa.

Dispaccio di Re Carlo con cui nel 1754 proibisce ogni corrispondenza tra Malta ed i suoi stati, in conseguenza della non voluta visita pastorale da lui ordinata.

Fondazione Manoel de Vilhena di un asilo pei poveri invalidi.

Appendix copiosissimusad Hierolexycon clarissirai Magri.

Aliae additiones in Hierolexycon ejusdem Magri: opera 
Can. Agius.

Un affaruccio tra Fra Gioacchino Navarro ed i confratelli 
di S. Omobono sopra una iscrizione lapidaria.

Vol. 3. Relazione della Ven. Grotta di Sai) Paolo nel Rabbato della Medina, scritta dal Padre Helagio.

Avis au lecteur du Journal étranger de Paris (1754) |>ar le chanoine Agius de Soldanis.

Giudizio dato dal Dr Mifsud, sopra l' Annone Cartaginese dell' Agius.

D

Quaestiones a|iparentes Sacrae Scripturae jearumque dilu- cidae solutiones. Ex Biblioteca Veteram Patrum, et ex contradictionibus clariss. Magri.

Discours Apologetique du char.oine Agius de Soldanis, contre le dissertation de l' abbé Ladvocat, sur le Naufrage de Saint Paul. Fu pubblicato nel \753, e poi tradotto in Italiano ripubblicato in Venezia nel 1758.

Annone Cartaginese: cioè vera spiegazione della Ima scena di Plauto in Poenulo.Pubblicato in Roma nel 1757.

Vol. 4. Breve descrizione della maggior chiesa di San Giovanni, e delle Sacre Reliquie in essa conservate.

Notizie sul Gran Priore dell' Ordine. 
Della Camerata, e di alcune altre fabbriche.

Notizie cavute d:il Garzoni sopra alcuni fatti d'armi delle 
galere dell' Ordine.

Concessione della cappamagna rossa ai conventuali del- 
I' Ordine fatta da Benedetto XIV nei 1747.

Fondazione Nibbia.

Fondazione di alcune commende in Malta.

Noti/.ie dei Grandi Maestri, da Del Poggio fino a De 
Redin.

Ordine e ceremouiale da osservarsi nella elezione del Gran- 
maestro.

( avalieri Gerosolimitani insigni per santità di vita. Lista di alcuni Cavalieri morti nul1' assedio di Malta. . Fatti d'armi delle galere dell'Ordine.

Relazione della impresa fatta dai Cristiani schiavi sulla galera Lupa, capitana di lindi, arrivata in Malta nel 1748.

Raccolta di alcune notizie spettanti alla storia di Malta.

Memoria del Canonico Agius contro Mich Acciardi, sulle notizie storiche della congiura di MnstafàBassa di Rodi, Segue Una risposta apologetica dell' Acciardi alla memoria dell' Agius, ed Uua lettera di Stefano Borgia sullo stesso soggetto.

Memoriale del parroco e popolo del Curmi, perché detto- casule venga innalzato al grado di Città.

De Fuco Melitensi dissertalo J Fr. Bonamiei. 'Seguitiii' Brevis notitia de Plantis quae Melitae obsei vaatur, ejusdem auctoris. Vedi il ms. N° XVIH.

Memorie sul forte Ricasoli, seguite da un Inventario di

ogni cosa esistente in quel forte. Notizie di Antonio Bosio Maltese, l' autore della Roma

sotteranea.

Brevi cenni sulla vita di Topal Osraan.

Vol. 5. Notizie biografiche di parecchi Maltesi insigni o pef santità o per dottrina.

Se San Corrado fosse mai venuto in Malta ? 
Se Sant'Agata sia mai venuta in Malta ?

Serie di Re cui appartenne il Gruppo di Malta, e un* altra

dei Giurati fino all' anno 1747. Statuti per la sodalità della buona morte nel Sannat del

Gozo. Anno 1760.

Brevi memorie per servire all'istoria del Gruppo di Malta, 
Le notizie sulle chiese di Malta sono le più complète.

Usi e costumi religiosi e civili degli antichi Maltesi.

Nomi dei bastioni, e delle opere di difesa che circondai! 
Malta.

Notizia delle monete dell' Ordine Gerosolimitano.

Spiegazione della iscrizione del tempio di Apolline scoperta nel 1747 circa, nella Mediiia. Questa dissertazione è del Can. Agius; un'altra ne aceva fatta il nostra Ciuntar pubblicata in Napoli nel 174!), col titolo "De antìque inscriptiùne nuper ejfossa," Vedi innoltre il N° CLV.

Lettera del Canonico Agius al Dr Michelangelo Grima sulle glossipetre. Trovasi meglio scritta nel seguente volume.

Notizie ecclesiastiche per l' anno 1733.

Notizie sul Gruppo di Malta.' da pagina 316 a pagina 359.

Progetto di un conservatorio di ragazze nel Gozo,

Relazione mancante in alcune parti della congiura ordita dal Bussa di Rodi.

Parte di eruditissima lettera sopra un'anticamonetaMaltese.

Relazione di Mons. Alpheran sullo strato voluto dai Giurati, ed il Breve di Benedetto XIV con* cui lo si concede loro.

Avvertimenti dell' abate Triesti sull' Annone Cartaginese del Canonico Agili s.

Spiegazione di alcuni nomi Arabi dati ad alcune città e 
luoghi in Sicilia: del Canonico Agius.

Notizie della vita del Bali Dericard, e del Bali Chambray. 
Altri pochi cenni sulla congiura del Bassà di Rodi.

Vol. 6. Dissertatione in forma di lettera del Canonico Agius al Dr 
Grima sulle glossipetre.

Malta riceve S. Paolo naufrago, cenni apologetici.

Breve di Benedetto XIII per la casa degl' incurabili della 
Valletta.

Carmina quaedam ignoti auctoris.

Iscrizione sepolcrale in lingua Araba con una traduzione 
Italiana ad un' altra Francese.

Varie scritture concernenti la fondazione Refalo nel Gozo.

Notizie del Gozo, e serie dei Giudici e dei Giurati di quell'Isola dal 1560 al 1739, raccolte dal Dr Gio. Gius. Caxaro, il quale fu Giudice e Giurato.

Giornale di ciò che accadde in Malta e Gozo dal 7 Gen- najo al 29 Dicembre 1733.

Notizia del cimitero del Sagro Ospedale.

Regolamenti della Sagra Infermeria, e descrizione della medesima.

Serie degl' Inquisitori di Malta dal 1574 al 1743.

Ad insulas, super Pauli in vinculis Appulsu mutuo con- tendentes amicus libellus.

Sul Convento dei PP. Cappuccini della Floriana memoria del P. Pelagi.i.

Annone Cartaginese—Questa spiegazione della scena di Plauto in Poenulo, scritta dal Canonico Agius fu pubblicato in Roma nel 1757 in \to.

Osservazione sopra 1' iscrizione scoperta nel 1747 di cui si e già parlato nel precedente volume.

Bulla erectionis insignis Colleggiatae Birchircarensis.

Notizie sul convento dei Minori Conventuali della Valletta, raccolte del Padre Maestro Attard.

Indulti™ Caesareum prò libera commestibilium e Regno Siciliae extratione ad usum religiosorum hujus con- ventus Min. Osservantium.

Nove sonetti sopra Mustafa Bassà creduto autore della congiura degli schiavi.

Relazione dei castighi pubblici dati in Malta ai ribelli schiavi.

Sollevazione degli schiavi cristiani a bordo la galera ro- diotta Lupa, e da lóro condotta in Malta nel 1748.

Bolla di Clemente VII con cui si permette ai novelli abitatori di Malta e Gozo (1533) di contrattare e mercanteggiare cogl' infedeli.

Bolla crociata del 1743. Trovasi pubblicata nel Bollarlo di Benedetto XIV.

Nota di alcuni dei privilegi conceduti al!' Ordine Gerosolimitano.

Delle rendite della chiesa appellata Sarria.

Capitali bollali della ven. assemblea del Gozo raccolti nel 1741.

CXLIII.

Damma tal Kliem Kartaginis mscerred fel fom tal Maltin u Ghaucin, maghmula mel Kanoniku Gianfrangesku Agius Sultana Ghauci. Da questo lavoro dell' operosissimo Agius poterono trarre molto vantaggio tutti i filologi Maltesi che gli vennero appresso. Desso è diviso in quattro volumi: il primo è il Dizionario Maltese-Italiano.Latino ; il secondo ed il terzo il Dizionario Italiano-Latino-Maltese; ed il quarto il Dizionario Latino-Italiano- M'altese.

CXLIV.

Nuova scuola dell'antica lingua Punica scoperta nel moderno parlare Maltese e Gozitano, del Can. Gianfrancesco Agius.

Non è da confondersi colla mia nuova scuola della lingua Punica pubblicata in Roma dalla tipografo, Salamoni nel 1750; la quale è divisa in due dissertazioni, in una Grammatica ed in un dizionario Punico-Maltese. Questo manoscritto ne è affatto diverso: è diviso in 44 lezioni, ed ha infine delle frasi familiari, dei dialoghi, ed un breie catechismo con alcune preci in Maltese ed Italiano.

CXLV.

|1 (ìozo antico-moderno, Sacro-profano, del Can. Giofrancesco Agius. Questa interessante ed unica storia dell'isola sor e lla fu d<ill'Agius dedicata al benemerito Alpheran Vescovo di Malta nel 1746, ma non fu mai pubblicata.

CXLVI.

Trg volumi di lettere scritte al Can. Agins parte di natura private, e parte che han riferen~'i alle opere sue letterarie—// terzo tomo comprende le lettere del C'av. Turgot, di De Galibert, del Bali Dericard e dell' Abate Mandoux, scritte in lingua Francese.

Aleniii cenni biografici, ed un elenco di quanto scrisse e pubblicò il Canonico /Jgius, trovansi nel secondo volume della Malta Illustrata dell'Abela accresciuta da Ciuntar.Vedi innoltre il ms. N° CCIJX,

CXLVII.

Opuscoli varj del Padre Pelagio Cappuccino. Havrene in capo al libro un distinto indice delle cot.e contenute nello stesso, e la seguente nota. Opera del Padre Pelagio del Zebbug scritta ni-l \ 735, essendo nncor nel secolo ed in Roma, di nome D. Bar, tolomeo Mi/sud prot. apostolico e dottore in medicina: e presentata alla pubblica Biblioteca Tanseana l'anno 1775- In F°l-

CXLVIII.

Prammatiche Magistrali pubblicate l' anno 164O per comando del serenissimo Principe Fra Paolo Liscaris Castellar. In Fol. A quanto dice l' Avvocato Mi/sud neila sua Biblioteca Maltese pag. 195 la c0mjiilnzione e riforma dflle presenti leggi pramma- ticuli è dovuta al Dr Nicolo Mangmn.

CXLIX.

Collezione di Biindi dal 1641 al 1724. Con un apposito indice in principio ilfl vo'ume. In pol.

CL.

Prammatiche Magistrali pubblicate l'anno 1681 per cornando del serenissimo Principe Fra Gregorio Carafa. In Fol. sinche ilufito rorfio ili legsi fu compilato da un Maltese: dal dottore Maxsiinii'innn Balzani, di cui trovansi alcuni cenni brogrnjici nellìdo f'ol. dell' opera di (.ianlar Malta Illustrata, png. 573,

Altra copia dello stesso, Infine però trovaiisi tre bandi die riguardano il commercio minuto pubblicati dallo stesso Cnrafa, ed un'altro che comprende rtlcune disposizioni e leggi sanitarie, pubblicato da Peretlos. In Fol.

CUI.

Questo prezioso vo'ume contiene le Prammatiche Lascaris del 1640, ed innoltre.

Jura Judicum, Deeretorum, Candelanim, Magistri Notarii, Nota- riorum, Advocatorum et Procuratorum: i quali diritti o tasse furono ordinati da Omedes nel1553.

Statuti et orclinationi delli armamenti fatti per Monsignor Pe Wjgnacourt nel 1605.

Statuti et orclinationi fatte sopra le case per Monsignor Valletta e promulgati il 14 Ottobre 1562.

Capitoli circa la divisione et assegnatone del sito della nova città di Vallettaconfermati e decretati il 12 Maggio 1569.

CLIII.

Pragmaticae Rhodiae F. Emerici DamboyseM. M. S. Rel. Hiero- solymjtanae. In Fol.Fra Amerigo Dominasi. governò l'Ordine in Rodi dal 1503 al 1512. Le presenti Prammatiche sono condotte in lingua Italiana, meno i titoli scritti in Latino.

CLIV.

Repertorium legale, cum indicibus in principio et in fine voluminis.

CLV.

Questo vo'ume in Fol. oltre a'k molte lettere dirette da ragguardevoli personaggi al Canonico Agius, contiene ancora i seguenti mss.

Descrizione del convento dei Cappuccini del Cìozo, in guisa di lettera diretta dall' Agius all' Avvocato Mifsud.

Lettera di 'Benedetto XIV con cui è permessa la gestione della Gran-croce ottogana sulla mozzetta cardinalizia, al cardinal Portocarrero, di cui un bel ritratto ad olio trovasi in Biblioteca.

Alcuni cenni di spiegazione sulla iscrizione ad Apolline, scritta da Stefano Borgia.Vedi il Voi 5 No. CXLII.

Dissertazione apologetica contro il Padre Fazello storico Siciliano, scritta dal Bali de Stadl nel 1738.

Dissertazione dello stesso sull'origine dell'organo.

Altra dissertazione dello stesso sopra un marmo trovato in Malta ; sul quale stanno incise tre figure.

Del vitello d'oro trovato nel Gozo da Antonio Pace nel 1729 dissertazione del Bali de Stald: 1731.

Altra dissertazione dello stesso sul bagno antico scoperto sotto il bastione dei PP. Capuccini della Floriana.

Brevi cenni dalla vita di Mona. Alplieran Vescovo di Malta.

CLVI.

Recneil de lettres, memoires &c. sur les plans des maisons des Jesuites de tout le chretienté. Sebbene il titolo sia in Francaie tuttavia le lettere sono per la piupparte in Italiano ed in Latino, fd hanno referenza a cinque volumi di disegni rappresentanti le case di cui si parla ed i quali ne mancano affatto. In Fol.

CLVII.

Motto questo numero sono compresi 9 tomi in Fol. Le materie appartengono alla storia, ed al diritte, ecclesiastico di Napoli e sono distribuite nel/'' ordine seguente.

N1 1. Delle investiture del Regno di Napoli fatte dai Romani Pontefici tanto col titolo di Ducato di Puglia e di Calabria, quanto con titolo di regno.

N° 2. De! regio Cappellano maggiore.

Del nunzio Apostolico e delle spoglie. N° 3. Del regio Excquatur.

Dei casi misti, ed in qual foro per quelli debbano i laici essere convenuti.

N° 4. Delle chiese e benefizj che spettano alla collazione e presentazione del Re.

N° 5. Delle chiese a beneficj regj.

De capitalo civitatis Lucernae.

Del santo offizio, dell' inquisizione, degl' inquisitori, degli eretici e dei loro beni.

N° 6. Dei rimedj contro prelati che turbano la reale giurisdizione. Della libertà ecclesiastica.

N° 7. Della porzione spettante al Re nelle decime imposte dai 
Si rumi Pontefici alle persone ecclesiastiche.

Del tribunale della fabrica di S. Pietro di Roma eretto in 
Napoli quando e con quali leggi.

Dei conservatorj regj in vigore dei capitoli del regno contro 
le persone ecclesiastiche.

N° 8. Della legazione dei Cardinali Giustiniano ed Alessandrino a Filippo II per causa della giurisdizione ecclesiastica.

De^li ospitali, estaurite, confraternite ed altri luoghi pii e religiosi che si governano dai laici, quando ed in quali cose stieno soggetti ai prelati, ed alla loro visita.

Della città di Benevento.

N° 9. Del Concilio di Trento: Delle rendite e frutti ecclesiastici. Dei juspadronati regj.

Dei testamenti : Delle convenzioni tra i Re e Viceré e la Sede Apostolica : Dell' immunità delle chiese : Della stampa e degli stampatori.

Di varie cose della Città di Siena e dell' Isola di Ponza.

CLVIII.

Dell'ufficio dei ricevitori presso l'Ordine Gerosolimitano. In Fol.

CLIX.

Ruol > di tutti i priorati e commende della lingua d'Italia coi nomi dei respettivi posi-e-isori, formato nel 1739. In Fol.

CLX.

Opere di Guglielmo Caorsino: in pergamena, grande 4/o. Questa traduzione fu fatta per opera del Cav. Aldobrandmi, e dedicata a Lascaris: l'amanuense ne rieste molto nei caratteri, ma non così nei disegni, e nelle iniziali. Questo ms. contiene tutto ciò che trovasi nel rarissimo volume pubblicato nel 1496, e che ticonserva gelosamente in questa Biblioteca. Vedims. CCXLIV.

CLXI.

Compendiosa e sommaria relazione dell' origine, progresso e stato della S Religione Gerosolimitana (1655) composta del Ven. Fra Cristiano Osterhanzen priore di Dacia. In Fui.

Andi* il ms. che. segue è dello stesso priore, il quale morto nel 1664 (nuto arrichì dellasciato spoglio l'erario dell' Ordine. Vedi la Ifipide sovrapposta alla sua tomba, nella chiesa di S. Giovanni.

CLXII.

Ristretto e Compendio delli statuti, ordinationi capitolari e con- suetudini della Religione Gerosolimitana. Insino al magistero di Fra Nicola Cottoner. In Fol. infine del. volume troiwnsi alcuni cmni ìstorici suli' Isola di Malta, ed uno stato della sua pupotazione ne! 16'4C2.

CLXIII.

Historia dell' Ordine di S. Giovanni, scritta dall'abate Cenni. In Fol. jE dedicata al Gran-maestro Nic. Coltoner. Non comprende che i soli due primi libri di una opera, che terminata, sarebbe forse più voluminosa di quella di Bosio, e la quale incomincia dal157 I.

CLXIV.

Relazione dei Commissionar.j incaricati ad esaminare qunl numero di legni sia necessario all' Ordine Gerosolimitano. Seguono le regole da prescriversi per la buona direzione dei medesimi. In Fol.

CLXV.

Historia de Sancto Publio Martyre Melitae Principe. Commen- tarius in elogium Ven. Bedae, autore P. Hier. Manduca S. J. Lettera di.Ila B. V. ai Messinesi.

Tradizioni delle cose di Malta.

Oaudia Melitensia, sive Divi Pauli Ap. gesta in Melita.

Notationes quaedam ad illustrandam historiam Sancii Publii.

Alla prima pigimi del volume trovansi alcuni cenni della vita e delle opere di questo infaticabile scritture Maltese, fr'edi innoltre il ms. No. XXV.

XLXVI.

Pc antiqua inscriptlone nuper effossa in Melitae urbe Notabili dissertalo comitis Joh.Ant. Ciantar, 1749. Fol. La quale fu pubblicata, in Napoli. Trovaiisi in questo volume, tdello stesso scrittore i seguenti opuscoli.

Dissertazione sopra alcune anticaglie di Malta.

Alcune notizie sulla pubblicazione della sua Malta Illustrata.

Tre cantate per musica.

Una dissertazione sulla lingua Punica dei Pvlaltesi—ed

Alcuni cenni critici sul libro dell' autore sul Naufragio di S. Paolo'

CLXVII.

Vite dei fìrnndi-ri aestri da Fra Gerardo primo Rettore del Sagro Spedale fino a Fra Em. de Rohan, descritte dal Conte Ciantar. // Sig. A. Schembri nella sua Selva ci da un ampieio elenco di quanto pubbliLÒ il nostro Ciantar, di cui molte cose trovansi in BMinteea. Chi ha vaghezza di conoscere alcun che, della sua v.ta consulti la Multa Illustrata del 1780 ai tomo 11 pagina 594 e seguenti. In Fol.

CLXVIII.

Il Valletta, poema eroico. Opera postuma del Commendator Fra Bart. del Pozzo corretta (per essere pubblicata) dal Confe Ciantar. .Sono interessanti le note di cui la corredò il Ciantar, specialmente quelle che hanno rapporto alla nostra istoria. Alle ultime pagine trovansi ricordati i nomi di alcuni dei valorosi Muntesi che pugnarono nel memorando assedio del 1565. In Fol.

CLXIX.

De occultis Dei beneficiis libri tres : auctore Augustino Cardio. Episc. Veronae. In Fol.

CLXX.

Miscellanea: questo i il titolo che trovasi scritto infrante a questo volume, e contiene veramente una raccolta di opusroletti parte ridicoli e parte serii. Ecco ii titolo di alcuni—Di un bagno antico trovato nella Marsa. Di un vitello d' oro dissotterrato nel Gozo. Di un marmo antico trovato in Malta. Dello stato sacerdotale—11 biasimo delvino. Sulla barba dei Cappuccini. Ad un certo marito. Le lodi dell' asino ecc. In Fol.

CLXXI.

Formularium legale, sive de Modis agendi in .Ture. Cum indice alphabetico materiarum in fine libri. In Fol.

( LXXII.

11 trionfo in mare, ossia scuola di comandare vascelli da guerra così per la manovra, che per combattere l'inimico: di Giovanni Pagnini Maltese. In Fol. .Sonavi alcuni disegni a penna necessurj per la più facVe intelligenza delle regole. Le due opire dello stesso autore, pubb icate nella meià dello scorso secolo, trovansi in Biblioteca. Pedi innoltreil ms. N° LVll.

CLXXIII.

Regole et ordinationi per il buon governo della squadra dei vascelli dell' Ordine Gerosolimitano. In Fol. Con una tavola dei titoli che comprende I' opera.

CLXXIV.

Ordinazioni del Capitolo generale del 1631 celebrato dal Gran- maestro Fra Ant. de Panla. In Fol.

CLXXV.

Ruolo delle dignità e commende della Ven. lingua d'Italia, co1 nomi dei respettivi possessori presenti, formato nel 1736- In Fol.

CLXXVI.

Dissertazione istorica del titolo di Re di Gerusalemme che conviene ai Re di Sicilia : di D. Michele del Giudice Abbate Cassinese. In Fol.

CLXXVII.

Vita del Ven. Giovanni da Duno chiamato il Dottor sottile, scritta dal Padre Maestro Francesco Samut dell'Ordine di S. Francesco. In Fol. Di questo dotto Min. Conventuale abbiamo in Biblioteca; " Commentaria in Casus Episcopis reservatos''pubblicati in Ma'ta nel 1759. Il padre Samut muri nel Feb- brajo del 1791 di anni 86.

CLXXV1II.

Vitae, acta, passiones plurimorum sanctorum atque sanctarum ex veteribus codicibus membranaceis in majori ecclesia S. Joan- nis Bapt. S. R. J. asservatis, transcriptae a Rev. Com. Fra Octavio Garcin, Melitae anno 1758. In 4to. Di questo eccellente scrittore e maestro ceremoniere della chiesa di S. Giovanni si ha una buona descrizione deli a detta chieia. Vedi il Ms. No. CCLXXI.

CLXXIX.

Viaggio ed ambasciata del Bali della Rovere presso la Corte di Portogallo—Costituzioni e regole della Ven. Confraternità dell'Immacolata nella chiesa dei PP. Min. Conventuali—Della elezione dei consoli di mare—Alcune Melivetanae sopra certe materie di diritto ecclesiastico. In 4to.

CLXXX.

R. P. Torres S. J. Tractatus theologici varii : nempe De justitia et jnre, De actibus humanis et de Angelis, De praeceptis virtu- tum theologalium. In 4to.

CLXXXI.

Miscellanea di materie riguardanti l'Ordine Gerosolimitano. Eccone il titolo di alcune. Che il nuncio di Spagna non possa conoscere le cause dei Gerosolimitani. Come gli ordinar] possano visitare le chiese dell' Ordine. Sulla precedenza dello stendardo dell' Ordine ecc. In 4to.

CLXXXII.

De duabus commendis Sancti Stephani et de Prato disceptationes juris. In 4to.

CLXXXIII.

Regola degli Hospitalieri di San Giovanni Battista. Bel ma. ma nun completo. In 4to.

CLXXX1V.

Questo e i seguenti dicci numeri comprendono le opere rimaste inedite delC infaticabile commendatore Fra Giovarmi Carovita, priore di Lombardia. Nel, ms. No. IV trovasi la vita di questo pio e dolio gerosolimitano, il quale nato in Napoli nel 1632,cessò di vivere in Siracuxa nel 1699 nel collegio dei Pi', della Comp. di Gesù.

Trattato della nobiltà e specialmente di quella che si professa dai Cavalieri di Sai) Giovanni. In Fol.

CLXXXV.

Compendio di un lungo et utilissimo trattato sopra le costitutioni e privilegi della Religione Gerosolimitana. in Fol. Una traduzione in lingua Francese se ne ha in Biblioteca ed ~e al No. C'X IV di questi mss.

CLXXXVI.

Trattato del comrnun tesoro. 2 in Fol. Coi necessari indici infine

di ogni volume.

o

CLXXXVII.

Il principe istruito. Opera divisa in sette capitoli, e ciascuno in varii, punti In 4to grande.

CLXXXVIII.

Trattato sopra il voto della povertà professata dai Religiosi di 8. Giovanni. Bel manoscritto in 4to grande. Non è a confondersi con un altro Trattato della Povertà, dello stesso autore, e pubblicato in Borgo-nuovo nel 1718. In 4to.

CLXXXIX.

Trattato delle commende ed amministrazioni. Con indice in principio dei volume. In Fol.

cxc.

Dei privilegi conceduti all' Ordine Gerosolmitano. In Fol.

CXCI.

Repertorio per ordine alfabetico delle leggi e costumanze dell' Ordine Gerosolimitano. In Fol.

CX GII.

Del principato. Altra copia del prìncipe istruito, iua meglio conservata, e pia corretta.In Fol.

CXCIII.

Della chiesa, dell' ospitalità, e dell' elettione del Gran-maestro. Cioè dei doveri die incombono ai Gerosolimitani essendo in chiesa, delle feste, delle prediche, indulgenze ecc. Del buon governo degl' infermi, dti prodomi dell' infermeria, dei medici ed altri impiegati nelt' ospedale. Ed in fine XV Capitoli su tutto ciò chena riguardo all'eiezione del Gran-maestro e dtlle altre dignità dell' Ordine. In Fol.

CXCIV.

Abregé d' un traité sur les constitution et priviléges de I' Ordre de Malte: tradititen Fran?ois. In Fol. Vedi ilN° CCLXXVII.

txcv.

Ristretto generale di tutte le cisterne e gebbie (sic) publiche e private, con le acque trovate nelle medesime tanto in Valletta come nelle altre tre città, ordinato dal Gran Maestro Manoel de Vilhena, fatto dall' architetto Fra Romano Fortunato Cara- pecchia nel 1723. In 4to. Bello ed interessante ms. corredato di buone piante a penna e ad acqua.

CXCVI.

Descriptio brevis urbis Romae per Nicolaum Seniorile—Prologus in libro Sancti Sanctorum—Epistola Lucae Parti—Discorso sopra alcune curiosità di Roma.

CXCVII.

Historia controversiae Regiae Monarchiae Siciliae. Anno 1713. In Fol.

CXCVIII.

Vita di Sisto V cavata dall' originale ms. conservato nella Biblioteca Vaticana. In Fol.Non e che un compendio delia vita di questo Pontefice scritta da Gregario Leti. Meno male che il compendiato^ non sia stato si empio e sozzo quanto Leti.

CXCIX.

Tractatus de astronomia. In 4to. Cum tabulis.

cc.

Astronomiae tabulae XXXI. In 4to. Con carotleri e segni dorati.

CCI.

De aerometria, sive de aeris scientia. In 4to. Cum tahu'is.

CCII.

Lettre ecrite a Monsigneur de Schorror par le Baron de Polnitz, dans la quelle il rend compte a ce Prelat des motifs qui lui ont fait abjurer l'heresie de Calvin. In Fol.

ceni.

De la exemption de fuero de los Cavalleros, y demas Religiosos de la Religion de San Joan Hierosolimitano: por Don Gerouimo Sancho. In Fol.

CCIV.

Commentarla ad Statata Sacri Ordinis Hierosolimitani, facta a .1. ,U. D. Fre. Fabritio Cagliola. 3 in Fol. Vedi i mss. Nrl XXXI CXXXI.

ccv.

Altra copia degli stessi commentar], ina in voi. in Fol.

CCVI.

Del tribunale della cancelleria, e de' suoi ministri. In Fol. Non è che il terzo volume, e contiene una interessante notizia di tutte le spese che si facevano dal comun tesoro e dalle persone che amministravano i beni dello stesso.

CCVII.

Trattato delle persiche, e della loro coltura. In dujiplirato : ma nella seconda copia si veggono delle notabili alterazioni. Fol.

CCVIII.

Istoria di Teodosio il grande, in Fol. E' la traduzione di quella scritta in Francese da Mr Fléchier Abate di San Sevcrino.

CCIX.

Relazione della città di Avignone, ed alcuni avvisi sulla perizia di regnare. In Fol.

ccx.

Il conclave del 1774—Dramma per musica. In Fol. E' piuttosto un satirico centone tolto dai drammi di Metastasi».

CCXI.

Istruzione ai Cappellani delle galere dell' Ordine Gerosolimitano del Commendatore Fra Gio. Domenico Manso. In Fol. Vedi rns.. N° CCXXXV.

CCXII.

Il Patriarcato di Costantinopoli descritto da Mons. Patriarca D. Camillo Cybo. In Fol.

CCXIII.

Arcani svelati di tutti i Principi d' Italia, con la relazione del loro stato e governo politico nel 1665. In Fol.

CCXIV.

La peste di Messina del 1743 : Poema dell' Abate Enea Gaetano Melani, pastore arcade : in Fol. Non so chi reggerebbe alta lettura di circa 590O stupidi settenarj,per aggiunta idrucciuli, se non forse un quale/i altro pastore'lo di Arcadia.

ccxv.

Cortona convertita, poema del Padre Moneti in Fol. Non è che l'immorale poema dell' empio Gamcrra.

CCXVI.

Di Vesta e delle sacerdotesse Vestali, discorsi dell' Abate Federico Pappacoda. Bel manoscritto in 4to.

CCXVII.

Historia del sacco di Roma, di Patrizio de Rossi. In Fol.

CCXVIII.

Copiosissimo Dizionario Arabo. Vol. 4 in 4to. Lavoro del nostro Reverendo Giuseppe Calleja del Tarxen morto il 19 Maggio 1798 di anni 56. Questopio e dotto sacerdote óltre ali'essere stato illustre in archeologia ed in scienze naturali, era tanto versato in lingue orientali ed in ispeciale modo nell' Araba ; che la Congregazione di Propaganda-fide lopropose in professore di quella lingua ali' Università di Malta. Duole amaramente che degf innumerevoli suoi scritti dispersi nel fatale 1798, alquanti mesi dopo la sua morte, ed allorchè gli fu svaligiata la casa, non ne sia rimasto, a nostra cognizione, che questo dizionario.

CCXIX.

Della sovranità dei Re di Sicilia, discorso istorico. In Fol.

ccxx.

Concordanza, ordine e compendio degli statuti ed ordinationi capitolari dell'Ordine di S. Giovanni, con le buone e lodevoli consuetudini in esso osservate. Opera di Mons. Fra Salva- rore Imbroll. 2 in Fol. t'rdi il ms. No. LHI e la critica di quest'opera al No. CCLXXXI.

CCXXL

Chronica del rey Dom Duarte deste nomo o primeyro, dos reys de Portugal o undecimo. In Fol.

CCXXII.

Privilegia ordinariae donationis annuatim debitae tam S Religioni Hier quam Universitatibus Insularum Meliveti et Gaudisii a regno Siciliae extraendae. In Fol.

ccxxm.

Nuovo dizionario della marina in Italiano ed in Francese, nel quale vengono spiegati i termini della navigazione e dell'architettura navale ecc. opera scritta da un cavaliere Gerosolimitano ufficiale sui vascelli del sacro ordine di S. Giovanni. In FoL

CCXXIV.

Summa jurium Hierosolymit. Equitum : sive Opus morale legale, jura omnia ad dd. equites spectantia continens : labore Com. Fr. Caroli Michallef melit. 2 in Fol.

ccxxv.

Altra copia meglio scritta. In Fol.

CCXXVI.

Dello stesso Commendatore Michallef è I' opera manoscritta, e che porta questo titolo, Continuatione dell'istoria Gerosolimitana, ovvero successi occorsi nella vita del Gran-maestro Fra Ugo Loubeux Verdala. In Fol. Di questo dotto Maltese alcuni cenni biografici ne ha lasciati il Conte Ciantar a pagina 558 voi. 2do Malta Illustrata; e l'elogiò se ne può leggere fra quelli scritti dal Dr Zam.rn.it. L'Ismenia e la Vita di S. Giovanni di cui fa parola il Ciantar trovansi pure in Biblioteca.

CCXXVII.

Altra copia delle opere del Coarsino. In Fol. Vedilims. No. CLX.

CCXXVIII.

Vera e distinta notizia delle vertenze fra la corte di Roma ed il governo della Sicilia. In Fol. JE' un amaro racconto {Ielle vicende che diedero motivo a/I' interdetto in Sicilia unil' esordire del 1700.

CCXXIX.

Relazione sullo stato del Canadà, data al Governatore della Nuova York nel 1751. In Fol. Molto interessante e per fondo e per lingua.

ccxxx.

Cours de le^ons sur la langue Fran9oise. In Fol. Con una traduzione in Italiano fino alla conjugazione dei verbi.

CCXXXI.

Diccionario historico en lengua Espanda. In Fol.

CCXXXII.

Relation historique, politique, critique et secrete de 1' affaire con- cernant la visite de 1' eveché de Malte ordonnée par le Roy des deux Siciles l'année 1753. In Fol. L' autore di questa interessante relazione è il Bali de Tencinil fondatore della Pubblica Biblioteca.

CCXXXIII.

Cours de chymie, redigé pourla premiere foi par M. Diderot sous les auspices de M. Rouelle de l' Academie des sciences. In 4to.

CCXXXIV.

Ètat du revenue de chaque commanderie du grand Prieuré de France, tiré sur le procés verbaux de la visite, commenceé en 1732 et continueé en 1733, 34 et 35. In 4to.

< cxxxv.

Trattato della maggior chiesa conventuale di S. Giovanni : opera del Commendatore Fra Gio. Dom. Manso. In Fol. Non si fa alcuna parola della parte materiale del tempio, ma sibbene delle indulgenze concedute da vurj Sommi Pontefici, dei sacri riti e degli ojficj proprj ali' Ordine Gerosolimitano, delle sacre reliquie, e di altre cinese dell' Ordine innalzate nei recinti della Val- letta. Vedi Ms. N° CCXL.

ccxxxvr.

Statuti dell' Ordine Gerosolimitano. In Fol. Il compilatore il quale sembra esser vissuto verso la fine del decimo quinto secolo, e che scrive in Italiano, esordisce con breve istoria dell' Ordine la i/ualefa giungere a Fra Hannoiido Zacosta morto nel 1467,e che fu ii 37'»o Gran.maestro.

CCXXXVII.

De jure universo Militum Hierosolimitanorum, tomi tres. Auc- tore P. Thoma Tamburino S. J. In Fol. Non se ne ha die questo solo volume il quale comprende il solo Imo e Zdo tomo.

CCXXXVIII.

Copia di alcune bolle di Sommi Pontefici concedenti o confermanti varj privilegi all' Ordine Gerosolimitano. Con un indice delle bolle e delle cose più notabili in esse contenute. In Fol.

CCXXXIX.

De F institution de F Ordre de Sain Jean de Hierusalem, et chro- nologie des Grands Maistres. In Fol. Giunge fino ai tempi di Fra Pietro D'Aubusson 40mo Gran-maestro.

CCXL.

Ruolo di tutti i Cavalieri viventi (nel 1742) ricevuti nella Ven. lingua d'Italia. In Fol.

CCXLI.

Istoria della Sacra Religione Gerosolimitana composta da Mons. Fra Salvatore Imbroll. 2 in Fol. Abbraccia l'interessante periodo che corse dalla esaltazione di Fra Pietro di Monte a Gran-maestro, fino aila morte dello sfortunato Cassiere. Benché l' oggetto del dotto prelato fosse stato quello di parlare precipuamente di affari appartenenti all' Ordine, non mancò tuttavia di darci contezza di cose che appartengono più da vicino all'istoria di Malta. Vedi pure i mss. No. LUI e C C XX.

CCXLII.

Il torto ed il dritto della nobiltà Napolitana, ovvero notitie genea- logiche delle famiglie dei cinque seggi della città di Napoli. In Fol. Con apposito indice infine delle notizie, ed un trattato sopra tutte le dignità ed iiffici del regno di Napoli sotto Carlo III.

CCXLIII.

Fasti consulares, cnm serie Imperatorum Romanorum a JnlioCae- sare usque ad Justinianum Augustum. In Fol.

CCXLIV.

Stabilimenta Rhodionim Milituin, jussu M. M. Daubussonii per (ìuillrlmuin Caoursinum collecta atque edita, in Fol. Questo ms. precede di parecchi anni I' edizione fatta da Giov. Giunta nel 1534. In Fol.

< CXLV.

Miscellanea de Re equitum Johannitarum. Questo è il titolo che trovo inscritto sa questo m Fol. Esso contiene delle notizie cu., riiise sulle serie dei cavalieri di Provenza, dei predicatori in San Giovanni dal 1573 al 1777 ecc. Ne duole che alcune altre no-, zie indicate nell' indice manchino affatto essendo state scucite e rubate.

CCXLVI.

Trattato in cui comparisce la verità vendicata, e si dileguano li so, fismi di Meleda, isola nella Dalmazia in competenza del nnu.. fragio di S. Paolo Apostolo accaduto inMalta. Del sac. Fra Ignazio Ricci dell'Ordine Gerosolimitano. In Fol. // Rev. Ricci scrisse questo trattato nel 1731, con cui per primo rispose ai Padre Giorgi che pubblicava nel 1730 il suo noto libercolo.

CCXLVII.

Catalogue des graines et dei simples actuellement (174(5) a Malthe destinés pour former le jardin botanique proposé par le chev, Turgot. In Fol.

CCXLVIII.

Oc'i Vescovi assistenti, loro privilegi, prerogative e servizio nelle pubbliche funzioni presso il Papa: opuscolo di Mons. Giacomo Altoviti, scritto nel 1686, ora (1736) accresciuto di copioso e nuovo indice. In Fol.

CCXLIX.

{Zibaldone originale disposto per ordine alfabetico—-Di Carlo Magri, In Fol. Dei due benemeriti fralelli Magri il Dr Zammit ha fa'ti i giusti elogi, die trovansi fra quelli testè pubblicati dal Sig. Schembri.

CCL.

Riflessioni di un cavaliere di Malta sopra la grandezza e doveri del suo stato. In Fol.Il Commendatore J. B. de Marinicr de Cany uut'ire di queste riflessioni fu uno dei quattro ristauratori delta Camerata. L' altra copia in lingua francese è marcata col numero CC'< XXIV,

CCLI.

Libro di ricette medicinali. In Fol. Disposto per ordine alfabetico.

CCLII.

Altro libro di ricette, e di segreti curiosi. In Fol. Con un indice alfabetico in principiodel libro.

CCLIII.

Apocalypsis Nova in qua sunt aperta quae in antiqua erant abscon- dita, P Amadei vulgo Joannis Menerii de Silva, transcripta a Fratre Ambrosio a Panormo anno 1656-57. In Fol. Credo necessario aggiungere la seguente nota per chi non conosce di che tralti I' opera di questo visionario. Esemplaria harum revela- tionun uscite nane tyfiis inedita, a criticis contemnuntur, utpote corruptissima, atque errores plures continentia. Michael a Sto. Josep/io Bibliogruph rit. verbo Amadeui,

i CLIV.

Un portolano del Mediterraneo. In 4to obl. Varie delle carte sono lavoro di Giuseppe Pace che visse nella metà del secolo passato.

CCLV.

Della descrittone di Malta del Commendatore Abela. In Fol.

Autografo che ha servito di esemplare alla pubblicazi ne dell'eccellente istoria delGruppo di Malta. Dalle molte note marginali, le quali ora trovansifar parte del testo stampato, dalle cancellature, e dalla divisione dell'opera in due sole parti, si scorge facilmente quante alterazioni vi avesse fatte l'illustre nostro istoriografo.

CCLVI.

Altra copia della descrizione di Malta: mn informe, epiuttosto selva di notizie da servire per l'opera che venne quindi ordinata e poi pubblicata. Fol.'f

C( LVII.

Trattato delle particolarita del Sacro Ordine Gerosolimitano. In Fol. Cioè del governo dell'Ordine, dei doveri e degli uffici del cavaliere.

Cclviu.

Relation des prieres publiques, festes, rejouissances et feux de joye faits a Malte, pour le naissance de Monseigneur le Dauphin (aprés Louis XIV.) In Fol.

CCLIX.

Collectanea ordine alphabetico digesta a Can. D. Francisco Agius. In Fol. Vedi il N° (XLH e seguenti.

CCLX.

Ruolo di tutti i Cavalieri ricevuti nella Ven. Lingua d'Italia, viventi nel 1754. In Fol.

CCLXI.

Miscellanea. In Fol Ecco ciò che contiene. Varj sonetti ed epigrammi del nostro Abate Rigord. Orazione e componimenti poetici recitati nel ven. seminario in lode di S. Paolo Apostolo. Alcuni diplomi di Re di Sicilia in pro del Gruppo di Malta. Alcune notizie di Mons. Labini da servire per la storia della sua vita, raccolte da Nicola Morello.

CCLXII.

Extrait des memoires du Bailly De Chambray. In Fol. Queste interessanti memorie abbracciano il periodo dal 170O al 172!'. e riguardano esclusivamente t'istoria della marina gerosolimitana : desse sono comprese nella prima metà del volume. L' altra metà non è meno interessante per altre memorie di cui liavvi t' indice in principio delle stesse.

CCLXIII.

Raccolta di memorie, ragionamenti e carteggi del Cavaliere Agostino Portelli. In Fol.Un indice posto in frante al volume da contezza delle materie in esso contenute, le quali riguardano varj rumi di economia nostrale Non per pompa d'ingegno scriveva il <av Portelli, ma perchè dagli scritti suoi derivasse alcun bene alla patria, che tanto amava. Se il Dr Zammit fosse vissuto nei tempi del Portelli non avria di fermo mancato di dettarne l'elogio, tadorne ha fatto degli illusili Maltesi. Moti nel Mano del 1854 diaititi ~4.

CCLXIV.

Descrizione della Libreria spettante all' eredità dei Cardinale Por- tocnrrero. In Fol.Questa Libreria pervenuta ali' Ordine Gerosolimitano, erede del Cardinale, fu comprata per seicento lire sterline dal Bali de Tencinil quale unitala alla sua, ne faceva dono al pubblico e gli apriva nel 1761 una Biblioteca. Il seguente è il catalogo dei libri del Bali.

CCLXV.

Catalogne des livres du Bailly de Tencin. In Fol.

CCLXVI.

Indice dei libri della Camerata, compilato nel 1741. In Fol. / fondatori della Libreria della Camerata erano il Commendatore Sansedoni ed i Bali Chiurha e Cavaniglia. Anche questa Libreria fu aggiunta a quella di Tencin.

CCLXVII.

L' origine de l' Ordre de Saint Jean de Jerusalem. In Fol. Non ai parla che di volo dell' origine dell' Ordine : poichè il volume da contezza degli usi e delle cerimonie dello stesso, dello stato suo nel 1716, e di altre interessanti particolarità.

CCLXVIII.

Raccolta di scritture per servire alla istoria della fusione dell' Ordine di Sani' Antonio di Vienna in quello di San Giovanni avvenuta nel 1777. In Fol.

CCLXIX.

Questo volume in gran Fol. comprende molte particolari notizie della presa fatta dai Francesi di queste isole, della breve loro dominazione, e della insurrezione della campagna. Eccone i titoli.

1. La presa di Malta : estratta dall' opera intitolata. La storia

del 1799 pubblicata in Amburgo coi tipi Burle-Rossi.

2. Manifesto della Nazione Maltese a tutti i Sovrani e popoli del mondo.

3. Storia apologetica di quanto avvenne in Malta e Gozo dall' 8

fino al 12 Giugno 1798 inclusive, descritta dall' avvocato Bernard.

4. Altro manifesto del popolo Maltese.

5. Relazione di quanto è accaduto il 2 e 3 Settembre 1798 nella

città Notabile, scritta da Lorenzo Bugeja, segretario dei rappresentanti e deputati.

6. Relazione della venuta dei Francesi nel 1798, e della rivolta del 2 Settembre.

In principio del libro trovami varj documenti pubblicati in quel periodo.

CCLXX.

lustruction generalle de l'Ambassadeur, contenant toutes les cir- constances les plus importantes qui dependentde cette charge.

CCLXXI.

Culto divino. Ovvero relazione della maggior chiesa conventuale di S. Gio. Batta, e delle cariche dei preti e fra cappellani, distesa dal Commendatore Fra Ottavio Garcin nel 1760. In Fol. Fedi il No. tSLXXVHI.

CCLXXII.

De privilegiis Sacrae Religioni Hierosolimitanae per Summos Pon- tifices concessis. In Fol.

CCLXXIII.

Ordinationi e regolamenti fatti per la squadra delle navi della Sagra Religione Gerosolimitana. Fatti nel 1709. In Fol.

CCLXXIV.

Stato della Religione Cattolica nel 1678. Opera di Urbano Cirri Segretario della Congregazione di Propaganda. In Fol.

CCLXXV.

Altri tre vol. in 4to del nostro Mons. Imbroll contenenti una storia dell' Ordine dal suo primo nascere fino a Fra Roberto di Nai- lacco 33mo Gran-maestro verso il 1400. Vedi il No. XXXV.

CCLXXVI.

Recueil de poesies, 2 in Fol. Il primo volume contiene degli enimmi dei logogrifi, delle favole, dei racconti ecc. il secondo traduzioni libere di salmi, ed alcuni componimenti di argomento religioso.

CCLXXVII.

Arte di ben concettare: del Commendatore Fra Giovanni Caravita. In Fol. // primo volume contiene gl'insegnamenti, il secondo gli esempi [tolti dai migliori autori antichi. Vedi il No. (LXXXIV.

CCLXXVI1I.

Nobiliaire, ou estat des maisons et familles nobles qui subsistent dans la ville d' Avignon, et comté Venaissin: Rassemblé par le Chevalier Fr. Paul Ant. de Viguier. In Fol. Cogli stemmi colorati. Vedi il No. CCLXXXIII.

CCLXXIX.

I libri del consiglio ordinario, e di stato, ridotti per materia in forma alfabetica. Opera del Caruso. 2 in Fol.

CCLXXX.

Giornali di viaggi di alcuni legni della Religione Gerosolimitana, dall' 11 Marzo 1764 all' 11 Agosto 1770, nell ' ultimo dei quali si ebbe per passeggiere Mons. Pellerano trasportato in Reggio per essere ivi consecrato. In Fol. Non è che il secondo volume, e contiene soli sette viaggi descritti dal Cavaliere Fra Ludovico de Ildaris tenente di vascello.

CCLXXXI.

Esame dell'opera di Mons. Imbroll intitolata, Concordanza, ordine e compendio degli statuti ecc. Sul dorso del libro sta scritto " Barrigi '' ed è forse il nome del crìtico.In Fol.

CCLXXXII.

Varie osservazioni di porti, spiagge, fondi, scogli ecc. fatte da Michel'Angelo Farrugia Maltese, primo piloto della squadra dell' Ordine Gerosolimitano. In Fol. Se all' Ammiraglio Smith fosse data a conoscere l'esistenza di questo prezioso manoscritto, ne avrebbe di'sicuro fatta onorata menzione, come ha già fatta dei nostri Mifsud e tìorg nella sua eccellente opera " The Mediterranean."

CCLXXXIII.

t.a ville d' Arles representée par sa noblesse. Par le Chevalier Fr. Paul De Viguier—1748. In Fol. Cogli stemmi colorati. Havm unita la descrizione dell' anfiteatro di Arlesdel Padre Gerii pubblicata nel 1665. fedi ii No. CCLXXVJll.

CCLXXXIV.

L' arsenal de l' Europe, ou blason universel. In 4to. Co» una tavola alfabetica in principio dell' opera, la quale però è incompleta.

CCLXXXV.

Recueil di differentes matieres. In 4to. Con un indice degli argomenti contenuti, parte dei quali non mancano di curiosità.

CCLXXXVI.

Le confessioni di Giannone mancanti di alcuni fogli in principio del volume. In 4to.

CCLXXXVII.

Copia di due memoriali ad Alessandro VII : uno del Re di Portogallo, l' altro dei Ministri di Spagna in risposta a quel primo. In Fol.

CCLXX XVIII.

Recueil de diverses pieces fugitives. In 4to. Benchè il titolo sia in Francese molti però dei fogli volanti sono in Italiano.

CCLXXXIX.

Oratio de piscatiotie ad apostolatum, in caelebritate et ad simulacra SS. Fidelis a Sigmaringa et Josephi a Leonessa : habita a J. Ant. Mallia, idibus Aprilis 1747. In Fol. £' osservabile un betlissimo ricamo in oro ed argtnto, lavoro di E. Piott, rappresentante gli stemmi del Papa, dell' Ordine e dtl Gran-maestro.

ccxc.

Remarques sur l' écrit qui a pour titre " Memoire sur les fortifi- cations de Malthe." Par Bachelieu. In Fol.

ccxc i.

Vsages et ethiquettes observées à Malte, a la cour du Gr. Maitre, au conseil, à 1' eglise etc. Ainsy que un détail de ce qui concerne les devoirs, les préminences, et prerogatives de diverses personnes de l'Ordre de Malte. 1762. In Fol. E' il libro ceremoniale più completo e più interessante dell' Ordine, e che sarebbe stato già pubblicato coi bellissimi tipi del Sig. Firmin Didot, se morte non avesse tolto questo insigne letterato e tipografo.

CCXCII.

Opera Cardinalis Valle in duos tomos divisa, cum indice in fine. 2 in 4to.

CCXCIII.

Lettere di Monsignor Agucchia, segretario di Stato di Gregario XV. 2 in 4.to.

CCXCIV.

Lettere del Cardinale Aldobrandini al Re di Spagna Filippo IV e suoi Ministri. In 4to.Trovami alcune risposte del Re colla sua autografa sosscrizione.

ccxcv.

Ricordi per Ministri de' Principi che negotiano presso ad altri Principi : ed innoltreUna raccolta di lettere politiche. In 4to.

CCXCVI.

Osservationi di Trajano Boccalini sopra gli annali di Cornelio Tacito. In 4to. Il Tiraboschi dice che queste sono piuttosto 01- servazioni politiche sopra diversi fatti della storia de' suoi tempi.

CCXCVII.

Lettere di Monsignor Elei scritte durante la sua Nunziatura in Germania dal 1652 sino al 1654. In .Ito.

CCXCV1II.

Raccolta di varie scritture politiche concernenti lo stato pontificio. In 4to. Havvi una lettera del Gran-maestro Lascaris al Commendatore Altieri sulla minacciata invasione Turca in quest' Isola.

ccxcix.

Grande raccolta di lettere di Monsignor Gratiani, Vescovo d' A- melia, durante la sua Nuntiaturain Venezia dal 1596 al 1598. 5 in 4to.

ccc.

Due grossi volumi che hanno per titolo " Miscellenea: " e sono una raccolta di varie notizie istoriche, Jllologiche, scientìfiche ecc. a cui non si è dato perù alcun ordine. 2 in 4to.

CCCI.

Raccolta di poesie Francesi, di cui havvi un indice in principio del libro. In 4to.

CCCII.

Relationi diverse et instruttive, necessarie a chi vuol seguitare la Corte Romana. In 4to.

cecili.

Breve relatione del viaggio del Card. Ginetti Legato a latere di N. S. per la pace universale : nel congresso tenuto in Colonia in tempo di Urbano VIli. In 4to.

CCCIV.

Historia copiosa del sacco dato dagl' imperiali nella città di Roma di Luigi Guicciarclini—.Altra descrizione dello stesso sacco di Roma del 1527, di Marcello Alberino. In 4to.

cccv.

Relationi del pontificato di Paolo IV e varie altre cose appartenenti a quel tempo, delle quali havvi un indice in principio del libro. In 4to.

CCCVI.

Relationi diverse, cioè di Costantinopoli nel 1637, della Nuntiatura presso gli Svizzeri, del trattato di pace tra la Francia e la Sa- voja, ecc. giusta un indice che si trova in capo al libro. In 4to.

CCCVII.

Altro libro di relationi et informationi di vertenze tra alcuni Ducati Italiani e Repubbliche—in tempo di Urbano Vili. In 4to.

CCCVIII.

Saggio sulla teoria del nitro, e progetto di sua propagazione. In Fol.

CCCIX.

Descritione della vita, costumi, attioni, famiglia e governo del Gran- maestro Lascaris. In Fol. Incompleta, e non abbraccia che il \ 636, primo anno del suo magistero.

cccx.

Miscellanea de rebus Equitum Hierosolimitanorum. In fol. Non sono che memorie di conteggiamenti del Prodomo.

CCCXI.

Extrait de plusieurs titres primordiaux des privileges de 1' Ordre de St Jean de Jerusalem, deposés aux archives du Teraple. Extrait des privileges accordes a l'Ordre par les Papes, Empereurs, Royes et Princes. L'origine de l'Ordre de Saint Jean de Hierusalem en l' an 1099. De l'exemption de l' Ordre de Malte de la jurisdiction des Ordinaires. In Fol.

CCCXII.

Critique du Nobiliere de Provence de l' abbé Robert de Brianfon, per Mons. de Movans, avec la verification facte par la Com- mission. In Fol. L' opera di Briancon sta in Biblioteca e porta questo titolo; L'état de la ProvenceParis 1693, 3 in I2mo.

CCCXIII.

Le droit singulier de la Religion de Malthe ; ou les statuts, ordonnances et constitutions du dit Ordre, composé par le sieur Noèl Gaillard, seigneur de Chaudon. 4 in Fol.

CCCXIV.

Historia de la Religion de S. Juan de Jemsalem por el Cav. Fray D. Juan Antonio de Foxan. 2 in Fol. Non giunge che fino alla partenza dell' Ordine da Rodi.

ccc xv.

R ecueil des noms et blasons de touts les Grands-maistres de l'Or- dre de S. Jean de Jerusalem, et de tous les Chevaliers des trois Prieures de France, Champagne etAquitaine : par J. B. Le Marinier 1675. in Fol. Il primo volume comprende i priorati di Francia, ed i blasoni ne sono colorati : il secondo quello di Champagne coi blasoni solo disegnati. Il terzo ne manca affatto.

rccxvi.

Stato del commun tesoro nel 1776, ed un resoconto dei precedenti dieci anni. In Fol.

CCCXVII.

Nuovo specchio dei naviganti, nel quale si rappresentano molti porti e spiagge del Mediterraneo : opera del Padre Decrenisse. Palermo 1728. In Fol. Bellissimo manoscritto dedicato al Bali Portocarrero di cui havvi lo stemma nel foglio che precede lo dedica. Le tavole ammontano a 41 sebbene nell'indice non siano indicale che 35.

CCCXVIII.

Libro di marina che insegna a costruire e guarnire ed armare un vascello da guerra; e la maniera di ben manovrare: de! Cavaliere Costantino Chigi. 1761. Fol.

CCCXIX.

Historia della sacra Religione di S. Giovanni del Commendatore Fra Bartolomeo dal Pozzo seguitando Giacomo Bosio. Dal- P anno 1571 al 1688. 3 in Fol. Trovasi di quando in quando alcuna differenza nella frase tra questa e la pubblicità in Verona nel1703. 2 in 4>to.

cccxx.

Cinque volumi in Fol. di decisioni rotali in materie e cause appartenenti all' Ordine Gerosolimitano. Peccato che manchi un indice a rendere completa così interessante collezione.

CCCXXI.

Critique du nobiliaire de Provence. In Fol. Non è a confondersi con l' altra Critica della stessa Nobiltà e che è segnata col numero CCCXH. Infine di questo volume trovasi un altro scritto col titolo di Remònstrance faite au Roy sur les desordres qui sont en la cour da Parlement de Provence, a cause des grandes parantez et alliances des neophites : par Mr De Mo- nier.

tu CXXII.

Series Numismatum Imperatorum et Augustarum ex argento. Cum indice. In Fol.

CCCXXIH.

Series Numismatum Familiurum Romanovum. Cum indice. In Fol.

CCCXX1V.

Reflexion d'un Chevalier de Malte sur la grandeur et les devoirs de son estat : 1689. 2 in Fol. Vedi il numero CCL.

FINE

* * Download the PDF file on Catalogo dei codici e dei manoscritti inediti che si conservano nella Pubblica Biblioteca di Malta.pdf